The Strange Bedfellow

Stampa

The Strange BedfellowProdotto da Sammo Hung e uscito al cinema con il prestigioso logo Golden Harvest, The Strange Bedfellow è una curiosa commedia a episodi, che unisce temi seri a toni scanzonati. 1) Dragon Seeding. In un futuro remoto comandano le donne. Un casalingo represso e nostalgico vuole avere un figlio tutto suo, senza ricorrere a scienza e inseminazioni artificiali e, complice una dottoressa ambiziosa, presta il suo ventre alla gravidanza; 2) Identikit Love. Un medico legale deve ricostruire il volto di una donna partendo dal suo scheletro: il fantasma della defunta, che è stata uccisa dal marito adultero, torna sotto mentite spoglie per aiutare il patologo; 3) Betwixt Twins. Marito e moglie sono in crisi, lui vuole lasciare lei, che, sull'orlo della disperazione, gli rivela di non essere sua moglie e comincia un lento gioco di torture e sevizie.
Le tre diverse mani distillano gli stessi ingredienti: macabro + fantastico (futuribile) + grottesco. Ognuno dei tre spezzoni ironizza, in maniera grossolana, inquietante o volutamente sopra le righe (a seconda di chi siede dietro la macchina da presa), sull'istituto familiare, dedicandosi in particolare alla smitizzazione del matrimonio come fondamento sociale. Ben recitato da un cast di discreto richiamo, diretto senza troppa personalità, il film sfoggia con orgoglio un ottimo ritmo, dovuto soprattutto alla tripartizione, che garantisce continui cambi di tempo e di tono. I tre generi in questione - la fantascienza (virata mélo), il serial thriller e l'horror con fantasmi - sono analizzati al microscopio, e destrutturati in chiave comica. Le citazioni - lo spezzone in televisione con John Shum - e le apparizioni speciali - i Wynners al completo, invecchiati e inaciditi - rendono un po' più saporito un piatto fin troppo leggero.

Hong Kong, 1986
Regia: Eric Tsang, Alfred Cheung, Lo Gin
Soggetto / Sceneggiatura: Alfred Cheung, Lo Gin, Wong Wang Gei
Cast: Eric Tsang, Alfred Cheung, Cecilia Yip, Alice Lau, Candy Yu

Joomla SEF URLs by Artio