viagra definicion viagra femenino aprobado how long does 150 mg diflucan stay in your system cat gaining weight on prednisone what not to eat before viagra optimum time for cialis to work motilium wikipedia español

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Hong Kong al box office: 2011 – L'anno del riscatto

sexandzenLa tendenza degli ultimi anni di Hong Kong è stata quella di un lento declino e di una, sostanzialmente irreversibile, crisi di identità; una faccenda legata a inevitabili evoluzioni socio-politiche, per la quale risulta difficile ipotizzare un'inversione di marcia, ma che non esclude che avvengano singolari dètournements. Nemmeno negli anni più bui, a cavallo dello handover, la crisi ha impedito di assistere a dei buoni quando non ottimi film e a dei campioni di incassi capaci di risollevare effimere ondate di entusiasmo e orgoglio per il cinema in lingua cantonese. E più che mai nel 2011 la bandiera della S.A.R. (Special Administrative Region, come sarà ambiguamente definita Hong Kong sino al fatidico 2046) è tornata a sventolare, all'insegna del cinema più oltraggiosamente exploitation che si possa immaginare.

Sesto incasso dell'anno, infatti, con 41 milioni di HK$ (5,3 milioni di dollari), Sex and Zen 3D: Extreme Ecstasy non solo ha riportato al cinema gli hongkonghesi in massa per un film in cantonese, ma ha soprattutto attirato nell'ex-colonia spettatori della Cina continentale, costretti a prendere il traghetto dalle proibizioni della censura di Pechino.

Riepilogando la situazione generale del box office, a dispetto di dieci film in meno distribuiti rispetto al 2010, da 286 a 276, il totale degli incassi al botteghino è salito a 179,1 milioni di dollari dai 172,4 dell'anno precedente; un andamento costante, come per il numero di pellicole prodotto o co-prodotte con la Repubblica Popolare Cinese, 53 contro le 54 del 2010. Ma è il rapporto tra produzioni hollywoodiane e asiatiche a cambiare notevolmente. Dall'en plein hollywoodiano del 2010 alla singolare Top 10 del 2011: prevedibile primo posto per Transformers 3 – 84,7 milioni di HK$ (10,9 di dollari) – e secondo per Harry Potter and the Deathly Hallows: Part 2 – 76,8 milioni di HK$ – a cui segue la sorpresa di You Are the Apple of My Eye, il fenomeno dell'anno. Una commedia romantica da Taiwan, debutto semi-autobiografico dello scrittore Giddens Ko, incentrata su amori adolescenziali e inevitabili stereotipi, ma capace di mantenere un invidiabile equilibrio tra astuzia, commercialità e indubbia grazia. Un fenomeno che ha avuto le sue ripercussioni su tutta l'Asia, con un picco a Hong Kong con 7,9 milioni di dollari nel 2011 (il film è ancora nelle sale).

loveHKSex and Zen 3D: Extreme Ecstasy non è il solo titolo prodotto a Hong Kong e girato in cantonese a entrare nella Top 10, l'onore tocca anche a I Love Hong Kong, con 3,4 milioni di dollari; le due facce della stessa medaglia del blockbuster cantonese moderno. Il primo rappresenta il ritorno (o la riappropriazione) di un non-genere puramente hongkonghese, il cosiddetto Categoria III, cappello sotto cui far rientrare pellicole horror, soft-porno o di violenza assai esplicita, il secondo incarna il fenomeno del film da Capodanno cinese, alter ego dei cine-panettoni nostrani. In entrambi i casi scarso il contenuto artistico: soft dai doppi sensi obsoleti e dalla sostanziale pruderie strisciante il remake di Sex and Zen, melensa storiella consolatoria I Love Hong Kong. Ma qui non è il dato qualitativo a contare, è il colpo di coda di un cinema, quello in lingua cantonese, orgogliosamente ancorato a un microcosmo di star, abitudini e slang che lo strapotere della Cina Popolare ancora non ha spazzato via e che trova nuova linfa in produzioni tipicamente autoctone e autoreferenziali. Come I Love Hong Kong o come la serie infinita degli All's Well Ends Well, inno alla pochade leggera a lieto fine che nell'edizione 2012 prevede già un Donnie Yen capellone, gli immancabili Sandra Ng, Louis Koo e Chapman To e l'ennesima sequela di gag sullo scandalo-Edison Chen delle foto osé; un mix contraddittorio di puritanesimo e malizia di cui evidentemente il pubblico di Hong Kong ancora non è sazio. E appena sotto la Top 10 il lusinghiero risultato di Overheard 2, da poco recensito su HKX.

Un anno di riscatto, nella qualità – il grande ritorno degli Autori, dal Peter Chan di Wu Xia alla Ann Hui di A Simple Life - oltre che nei numeri, per una cinematografia aggrappata ai suoi autori storici, ma ancora indomita nella sua autonomia dalla Madre Cina. Forse non è un caso se neanche una coproduzione con la Cina continentale fa capolino tra i maggiori incassi dell'anno.

BOX OFFICE di Hong Kong 2011:

1 Transformers 3 $10,883,894
2 Harry Potter and the Deathly Hallows (Part Two) $9,866,229
3 You Are the Apple of My Eye $7,959,759
4 Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides (3D) $5,827,510
5 Mission: Impossible - Ghost Protocol $5,686,450
6 3D Sex and Zen: Extreme Ecstasy $5,272,166
7 Kung Fu Panda 2 $5,071,620
8 Sherlock Holmes: A Game of Shadows $3,531,422
9 I Love Hong Kong $3,425,520
10 X-Men: First Class $3,325,094

Free Joomla templates by L.THEME