eli lilly colombia cialis how long before cialis takes effect studio polispecialistico colombo buy cialis boots viagra causes nausea bluepharma kamagra late period while on clomid

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

A Better Tomorrow III

A Better Tomorrow IIIAlla coppia Tsui Hark (produttore) / John Woo (regista) - senza dimenticare il terzo incomodo: Chow Yun Fat (attore) - si devono alcuni dei momenti migliori del poliziesco di Hong Kong. Con i primi due A Better Tomorrow Woo e Tsui ridefiniscono i canoni del noir mescolando le carte e ibridando diversi umori senza soluzione di continuità: in particolare azione spericolata e mélo struggente. Sul set del secondo film iniziano le divergenze: il produttore, reo di essere eccessive ingerenze, si mette in proprio. Prese strade (solo parzialmente) differenti i due si cimentano con i progetti covati da tempo: Woo realizza Bullet in the Head, mentre Tsui decide di riproporre il personaggio interpretato da Chow Yun Fat in un prequel al femminile, A Better Tomorrow III (sottotitolo: Love and Death in Saigon), meno eroico e decisamente più pessimista.

Alla scoperta della giovinezza irrequieta di Mark Gor, l'eroe dal look inconfondibile - fiammifero in bocca, spolverino e occhiali da sole -, icona popolare imitata per le strade dai ragazzini, il regista intreccia un complesso arabesco sociale, ambientato in una Saigon glaciale e dominato dalla figura della sanguigna Kit (Anita Mui, grandissima e sensuale, si mangia tutti i compagni di set in un sol boccone), pasionaria che inizia Mark alle armi.
Cast di primissimo piano - bravo come sempre Chow, al suo fianco ci sono un altrettanto valido Tony Leung Ka-fai, lo sceneggiatore Nam Yin e il grande cattivo del cinema cantonese Sek Kin -, realizzazione esasperata (l'eccellente montaggio a sei mani, la fotografia contrastata di Horace Wong), dove lacrime e sangue coincidono: ne è l'apice emotivo il doloroso finale con la dolcissima canzone (Song of Dusk dell'esperto compositore Lowell Lo, cantata dalla stessa Mui) che cala il sipario nella commozione collettiva. Eliminati i riferimenti cattolici tipici di Woo, Tsui va maggiormente in profondità e realizza un capolavoro. Paradossalmente alza il tiro rispetto alle meno originali vicende di triadi dei prototipi: il parallelo politico tra il Vietnam degli anni '70 e Hong Kong, appena scossa dai fatti di piazza Tienanmen, poco prima del temuto handover, è impietoso, da pelle d'oca, urlato in faccia al pubblico. In un colpo solo la pellicola coniuga profondità di intenti e spettacolarità assoluta, mettendo a disposizione della platea materiale di prim'ordine su cui riflettere; e al tempo stesso un numero sufficiente di coreografie, morti e sparatorie per farsi coinvolgere anche solo a livello superficiale. Epico punto d'arrivo di un'intera generazione - la seconda New Wave di metà anni '90 e il cosiddetto heroic bloodshed - e, proprio insieme a Bullet in the Head, chiusura ideale, la migliore possibile, dell'impeto artistico che ha reso Hong Kong negli anni '80 il paradiso per gli amanti del cinema (poliziesco) moderno. Due curiosità a margine: la splendida colonna sonora è in parte riciclata da quella scritta sempre da Lo per The Big Heat; la versione taiwanese è molto più lunga di quella uscita nei cinema a Hong Kong.

Hong Kong, 1989
Regia: Tsui Hark
Soggetto / Sceneggiatura: Leung Yiu Ming, Dai Foo Ho
Cast: Chow Yun Fat, Anita Mui, Tony Leung Ka-fai, Tokito Saburo, Sek Kin

Free Joomla templates by L.THEME