double dosage of viagra cialis-dose giornaliera donde puedo comprar viagra en barcelona how much does cialis cost per pill at cvs viagra which company kun je viagra bij de apotheek kopen subaction showcomments cialis archive online

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

A Nail Clipper Romance

A Nail Clipper Romance

È un film caratterizzato da molti incontri, l’esordio alla regia di Jason Kwan. Presentato in anteprima mondiale a Hong Kong lo scorso 10 aprile e proiettato, in anteprima europea, durante la giornata di chiusura della diciannovesima edizione del Far East Film Festival di Udine, A Nail Clipper Romance è un bizzarro incontro tra il cinema di Hong Kong e i tanti cliché cari al genere sentimentale dell’industria hollywoodiana.

Prendendo le mosse da un racconto breve del produttore Pang Ho-cheung, il film racconta la storia dell’incontro tra Sean, costruttore di tavole da surf reduce da una pesantissima delusione amorosa, e Emily, giovane e intrigante tatuatrice con un segreto da nascondere. Nulla di strano fin qui: il ragazzo è restio ad aprire di nuovo il suo cuore ma più il tempo passa, più si convince di poter tornare a essere nuovamente felice.

La relazione tra i due prenderà una piega inaspettata quando Emily rivelerà a Sean di essere un mostro che si nutre esclusivamente di tagliaunghie metallici. Una caratteristica tanto inattesa quanto bizzarra che aiuta il regista Jason Kwan a introdurre la vera tematica del suo esordio cinematografico: l’importanza della fiducia. Quanto dev’essere cieco l’amore per permetterci di accettare la persona di cui siamo innamorati in ogni suo aspetto? La risposta, per quanto narrativamente esasperata, non è affatto scontata e fornisce allo spettatore due possibili livelli d’interpretazione.

Alla realtà amara e difficile da accettare, A Nail Clipper Romance risponde con quella potenza dell’immaginazione che solo il cinema e l’amore incondizionato sono in grado di generare. Nato dall’incontro tra Jason Kwan e Pang Ho-cheung, il film risente in diverse sequenze dello stile di quest’ultimo e deve molto a lavori come Love in a Puff (2010) e Love in the Buff (2012).

A Nail Clipper Romance 2La coloratissima fotografia rende quasi irreali i paesaggi mozzafiato delle Hawaii, mentre la regia, dinamica e pop, aiuta a dare un’aria di freschezza al film, che dosa sempre in maniera intelligente i siparietti comici e surreali con le parti più drammatiche della storia. Convincente anche la prova collettiva del cast, a partire dai due protagonisti Joseph Chang e Zhou Dongyu che interpretano due personaggi-stereotipo impreziosendoli di sfumature insolite e originali per il genere classico-sentimentale. La presenza di Ekin Cheng, faro di saggezza orientale in un mondo molto occidentale come le Hawaii, è un valore aggiunto alla pellicola. L’unica pecca è rappresentata dal copione, con dialoghi che rischiano di scadere un po’ troppo spesso nella frase fatta e nella situazione già vista e sentita (le citazioni de Il piccolo principe ne sono un chiaro esempio). Il risultato finale è un prodotto comunque godibile, che merita un posto di rilievo nel filone del genere rosa di Hong Kong. Un film sull’assurdità dell’amore, che celebra la bellezza della diversità e ha il pregio di farci sorridere e riflettere senza mai scadere nella facile banalità.

Hong Kong, 2015
Regia: Jason Kwan.
Soggetto: Pang Ho-cheung.
Sceneggiatura: Luk Yee-sum, Duan Duan, Frances You.
Cast: Zhou Dongyu, Joseph Chang, Ekin Cheng, Sie Yi-lin.


Free Joomla templates by L.THEME