yellow viagra viagra eller kamagra cialis split review buy steroid site clomid can you buy cialis over the counter in usa viagra goodrx viagra maschile

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Ah Sou

Ah SouDopo le crudezze di Fu Bo e i virtuosismi di Jiang Hu, l’opera terza di Wong Ching-po prosegue sulla strada del lavoro precedente, con un gran sfoggio di stile che però, almeno in questo caso, è purtroppo fine a se stesso. E’ tanto bello a vedersi, Ah Sou, quanto vuoto e inutile: movimenti di macchina magniloquenti, fotografia da leccarsi i baffi, cromatismi squisiti. Ma a che pro, se dietro c’è il nulla?

La storia della diciottenne Phoebe (Anne Liu, a detta del regista la nuova Brigitte Lin: «ah sì?»), costretta dopo l’uccisione del padrino a prendere il suo posto come boss della triade contro colei che anni prima giurò di ucciderla, ha il fiato corto. In compenso il copione di Szeto Kam-yuen infila una serie spropositata di cliché, furtarelli, non sequitur e carinerie da orticaria, nel tentativo di assestarsi dalle parti di certo gangsteristico d’autore alla Johnnie To.
Eric Tsang è per l’ennesima volta il capomafia dal cuore d’oro, i tre amici d’infanzia (Anthony Wong, Simon Yam, Alex Fong) che lo affiancano sembrano appena usciti da The Mission (e tanto per non farsi mancar niente arriva pure un flashback macho-esplicativo, con i quattro in età adolescenziale a dar battaglia a un esercito di avversari nerovestiti), l’ossessione del personaggio di Simon Yam per il caso (con tanto di lancio di monete per decidere il da farsi, che Szeto riciclerà per Exiled) è mal sviluppata, le sequenze d’animazione alzano il tasso di glucosio a livelli di guardia. E a provvedere la dose sindacale di action c’è una «gang bang marziale automobilistica» (rubo la definizione ai cugini di Asian Feast), che sostituisce il classico showdown a pistolettate, di rara scemenza.
Dispiace soprattutto per il cast: se Karena Lam, classe 1978, in un ruolo da quarantenne o giù di lì è un autogol clamoroso, gli altri nomi altisonanti si limitano a timbrare il cartellino. O quasi: perché il repertorio di manierismi attoriali sfoggiato da Anthony Wong – perdipiù conciato come un gagà, con completino color panna, occhiali scuri alla Ray Charles e una balzana cuffietta che a un certo punto sostituisce il tradizionale copricapo a falda – più che vezzi di ipercaratterizzazione sembrano il tentativo disperato di salvare la baracca.

Hong Kong, 2005
Regia: Wong Ching-po
Soggetto / Sceneggiatura: Szeto Kam-yuen, Jack Ng
Cast: Karen Lam, Eric Tsang, Anthony Wong, Alex Fong, Simon Yam

Free Joomla templates by L.THEME