valtrex restless legs cialis 20 mg info can 20 mg cialis be cut in half compatability lasix heparin how to get viagra ontario advertisement for viagra

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

All's Well End's Well 1997

All's Well End's Well 1997 Nel 1992 All's Well End's Well sbancava i botteghini. A cinque anni di distanza di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia, e il secondo seguito (preceduto da All's Well End's Well, Too, 1993) arriva a sorpresa in un periodo in cui questo tipo di commedie corali non spopolano più e in cui i gusti del pubblico sembrano essersi aggiornati. Ma nonostante le premesse avverse All's Well End's Well 1997 riesce a cavarsela benissimo, dimostrando la persistente efficacia dei vecchi modelli di successo. Ovviamente torna a produrre, per la sua Mandarin, Raymond Wong, una delle menti della defunta Cinema City: oltre a ritagliarsi, come nel primo film, un ruolo importante, Wong ha il grande merito di ingaggiare la colonna portante dell'originale, Stephen Chiau. Con la sua comicità l'attore aveva letteralmente dominato: qui torna da superstar assoluta e si prende i minuti necessari per far ridere il pubblico, riciclando gag precedenti (dopo un colpo in testa diventa stupido; l'uso creativo del pappagallo, puntato alla tempia del fratello come pistola; la fissazione per Bruce Lee e le arti marziali) e apportando uno spirito totalmente nuovo, sempre demenziale ma più controllato.
Nella sua opera di distruzione il comico è affiancato da un cast davvero impressionante. La famiglia del perdigiorno Kung è infatti composta da due fratelli, il responsabile Leung e l'insicuro Fei, dalla moglie di Leung, Yunsi (Christine Ng: a lei il difficile compito di sostituire Sandra Ng come variabile comica), e dal padre burbero ma generoso. Accanto a loro fidanzate, amici, rivali (Emil Chow, in un'aperta parodia del Clint Eastwood in I ponti di Madison County) e compagni di sventure. Il compito dei protagonisti è regalare al pubblico un'ora e mezza di buon'umore, nella speranza di distogliere la loro mente dai problemi quotidiani e dalla preoccupazioni imminenti.
Inutile dire che la parentesi che riguarda Stephen Chiau è senza dubbio la più divertente: potendo fare lo scemo, letteralmente e fisicamente, il comico ripropone le migliori interpretazioni della sua carriera, dal super-scommettitore di All for the Winner allo spaccone emulo di Bruce Lee di Fist of Fury 1991. A duettare con lui prima l'insipida Gigi Lai, poi la sorprendente Christy Chung, belloccia che si finge tonta: la scena in cui i due si conoscono è fenomenale, così come quella, davvero ben coreografata dal martial arts coordinator Ching Kar Lok, in cui lei sgomina a suon di calci e pugni il prepotente boss delle triadi che angaria Kung. Più in disparte Francis Ng, che risente del poco spazio a sua disposizione, e Raymond Wong, ingrassato e disciplinato; emergono piuttosto Christine Ng, simpaticissima, e Wu Chien-lien.
Come la tradizione vuole in casi simili, è più il fumo dell'arrosto. La storia, opera di Vincent Kok e dello stesso Wong, è esile e spezzettata, e la messa in scena dell'esecutore Alfred Cheung (che in un paio di occasioni si fa riconoscere per una minima vena politica) è semplice e funzionale. Unico requisito necessario è lasciare il dovuto spazio ai tanti interpreti e non farli sfigurare al confronto con il vero mattatore. Stavolta però il profumo dell'arrosto compensa la pochezza della carne: il film scorre veloce, diverte, è godibile e rilassante come da intenzioni. La chiusa spetta a protagonisti e comparse (e come fa notare Kung mancano solo Madonna, Meril Streep e Tom Cruise) che augurano fortuna e felicità prima di svelare l'ennesimo inganno, aprendo l'inquadratura sulla troupe al lavoro.

Hong Kong, 1997
Regia: Raymond Wong
Soggetto / Sceneggiatura: Raymond Wong, Vincent Kok
Cast: Stephen Chiau, Raymond Wong, Francis Ng, Christine Ng, Wu Chien-lien

Free Joomla templates by L.THEME