what happens when you mix cocaine and viagra buy antibiotics online with no prescription overnight levitra bayer generic viagra merck buy viagra australia store viagra in kuala lumpur

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Big Brother Cheng

Big Brother ChengDopo il grande successo di The Teahouse, il regista Kuei Chih-hung e il protagonista Chen Kuan Tai tornano sul luogo del delitto, più arcigni che mai, decisi a chiudere tutti i conti in sospeso e a bissare ai botteghini, dove necessario inasprendo i toni e alzando il tasso di violenza. Il primo film si era chiuso su un anti-eroe provato, quasi sconfitto e privato della sua inesauribile grinta: qui il ristoratore Cheng torna a sorpresa ad essere un paladino dei poveri, al tempo stesso Robin Hood, padrino, giustiziere, saggio consigliere, imprenditore, assistente sociale, marito affettuoso e padre (putativo) di un'intera comunità. Meno sociale e più melodrammatico - compresa qualche ironica parodia di miti del presente: si veda ad esempio la crudele presa in giro del personaggio truffaldino portato in auge da Sam Hui -, Big Brother Cheng azzarda mille e più ipotesi di studio, mantenendo il crescendo, lo spirito razionale e l'accumulazione di casi standard (in questo ne approfitta per riprendere discorsi e personaggi lasciati in sospeso nel prototipo, da cui non può prescindere) tipici del documentario applicato al realismo cinematografico.
La pellicola palesa subito debiti nei confronti del noir americano coevo - Siegel per gli inseguimenti, Arthur Penn per l'esibizione di sangue in primo piano, Aldrich per il cinismo di fondo -, in qualche misura del poliziottesco nostrano, soprattutto per l'(ab)uso di violenza applicata a temi adulti (il rapporto critico tra coscienza collettiva e crimini iperbolicamente sempre più riprovevoli: furti, stupri, omicidi), e degli yakuza eiga giapponesi (ma è meno pessimista) per la fotografia della malavita e dei suoi codici interni. Big Brother Cheng si dimostra incredibilmente avanti nel rappresentare il degrado urbano, contrappeso inevitabile sulla bilancia del rinnovamento socio-culturale e del boom economico. Fanno capolino per la prima volta in maniera organica le triadi - i vertici potenti e i ragazzini carne da macello in basso - come entità minacciosa in contrapposizione - quando non addirittura in vantaggio - a polizia e giustizia (obsoleta: il discorso prolungato su permissivismo e pena di morte; il finale riparatore con la rivelazione dell'undercover). Regia non sempre all'altezza, che sfrutta meno del previsto le doti marziali del divo Chen e ne moralizza populisticamente fisico e carisma. Spesso è il montaggio, in società con la colonna sonora coinvolgente e la fotografia brillante, che salva le situazioni a rischio di banalizzazione: esemplare in tal senso una splendida sequenza in cui l'alternanza tra un discorso politico ottimista, ma falso, e un'aggressione sessuale che culmina con un disperato suicidio ridicolizza il divario tra opposti inconciliabili.

Hong Kong, 1975
Regia: Kuei Chih-hung
Soggetto: Chiang Chih-nan
Sceneggiatura: Sze-to On
Cast: Chen Kuan Tai, Karen Yip, Tung Lam, Wai Wang, Chung Chan Chi

Free Joomla templates by L.THEME