dewey cox viagra levitra alcohol consumption sildenafil citrate benefits levitra walmart buying viagra in poland subaction showcomments propecia thanks newest discount finasteride no prescription levitra 10 mg confezione

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Cat and Mouse

Cat and MouseDurante la caccia a un pericoloso spadaccino, Zhan Zhao, grande combattente, fidato braccio destro del retto giudice Pao, viene a conoscenza di un piano segreto per assassinare l'imperatore e la sua corte. Convinto il fuggitivo, in realtà una bella ragazza, a unirsi a lui, Zhan, in procinto di sposare la figlia del fratello dell'imperatore, studia le contromosse per salvare la vita dei suoi amici e per catturare il ribelle e il suo esercito.
Pur non essendo del tutto insipido, Cat and Mouse sfrutta male le grandi potenzialità della sceneggiatura complessa e del cast ben assortito. Commedia spuntata, finisce fastidiosamente per sembrare una fotocopia sbiadita e meno divertente di Chinese Odyssey 2002, senza l'estro direttivo per stupire e appassionare. I maligni noteranno che soffre degli stessi difetti che avevano afflitto The Duel (senza computer grafica: guarda caso tra i produttori c'è proprio Andrew Lau) e Wu Yen, ovverosia la scarsa propensione alla follia narrativa e l'eccessiva precisione (se non addirittura piattezza, a fronte di un impegno produttivo rilevante) della regia, che anticipa, e di conseguenza sminiusce, ogni scena clou.
Il materiale - già visto, ma potenzialmente sempre valido: travestimenti, transgendering, tradimenti, amori impossibili - è trattato con la freddezza del primo della classe preoccupato di non scontentare nessuno, a costo di allentare la tensione. La presa emotiva minima è amplificata dalle difficoltà di traduzione di gag, equivoci e rimandi culturali da commedia di capodanno, e dalla scarsa mediazione dei sottotitoli. Eppure non tutto stona: la storia lineare è comunque piacevole da seguire; qualche battuta va a segno; il rimando a personaggi storici funziona; Cecilia Cheung, Anthony Wong e i comprimari se la cavano da par loro; i duelli sono coreografati splendidamente; lo sfarzo delle ricostruzioni è evidente. Gravi lacune a monte: manca un mattatore comico - Andy Lau è un eroe troppo narcisista -; la colonna sonora è eccessivamente ammiccante; il lato mélo leggermente sciapito; quello demenziale addirittura prevedibile.

Hong Kong, 2003
Regia: Gordon Chan
Soggetto / Sceneggiatura: Felix Chong, Gordon Chan
Cast: Andy Lau, Cecilia Cheung, Anthony Wong, Cheung Tat-ming, Lee Bing Bing

Free Joomla templates by L.THEME