get cialis uk viagra raynauds cialis soft tabs overnight cialis average cost valtrex buy online uk cialis sildenafil citrate

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Chivalrous Legend

Chivalrous Legend1894, guerra sino-giapponese: la dinastia Chin firma un trattato con il Giappone, cedendo il controllo di Taiwan agli invasori. L'anno seguente le armate giapponesi prendono possesso militare dell'isola, stringendo i suoi abitanti in una morsa di terrore atta a prevenire eventuali ribellioni. E' in questo contesto disperato che il giovanissimo Liao Ten-din, appena congedato dal suo maestro di arti marziali, torna al paese natale - solo per vedere la madre brutalmente assassinata da un soldato. Costretto alla fuga dopo essersi efferatamente vendicato, finisce come comparsa in una troupe itinerante di opera pechinese; colti mentre mettono in scena un dramma anti-giapponese, gli attori sono dispersi o arrestati. 1903: l'eroe nazionale taiwanese Lin, l'unico in grado di contrastare lo strapotere nipponico, è ucciso in battaglia. Liao, una vita di stenti e continui soprusi, decide che è arrivato il momento di rialzare la testa: inizia a rubare ai ricchi (giapponesi) per dare ai poveri (non a caso il titolo originale suona come: «La leggenda dell'eroe-ladro»).
Nonostante tutto il fervore profuso nell'operazione, Chivalrous Legend risulta filmetto risibile e strascicato. La buona cura che traspare da scenografie e location, dai costumi d'epoca o nelle scene corali (peraltro non troppo numerose) non è confermata da una sceneggiatura decisamente sottotono, con evidente squilibrio tra narrazione e intenti da anacronistica propaganda; mai wire works furono tanto smaccatamente patriottici, con il nostro eroe tra nugoli di avversari a difendere l'onore di Taiwan. Nemmeno la gradevole colonna sonora, infarcita di musiche tradizionali enfatizzate, riesce a nascondere le pressanti lacune: divagazioni inessenziali, lungaggini soporifere, siparietti comici evitabili (Liao e il suo compagno d'avventure che beffano i soldati travestendosi da donne, arrivando a sedurli). Non basta innestare soggetto e coreografie da Iron Monkey (1993) con una qualsiasi pellicola di guerra schierata e partigiana per assicurarsi plauso di pubblico e critica. Senza contare che il protagonista ha scarso mordente, nessuna personalità - a tratti è persino antipatico; problema acuito dall'inadeguata fisicità di Jimmy Lin, volto adolescente, movenze tutt'altro che marziali e caratterizzazione monocorde (con la stessa invariabile espressione a salutare qualsivoglia emozione). Decisamente meglio i personaggi di contorno, dal mentore Blacky Ko (simpatico quanto basta) a una purtroppo sacrificata Vivian Hsu, prostituta che sposa per opportunità il governatore giapponese, in cerca di una impossibile felicità: a lei è riservato il destino più tragico e il ruolo più intenso.

Hong Kong, Taiwan, 1997
Regia: Choi Yeung-ming
Soggetto / Sceneggiatura: Wu Nien-jen, Kwok Chang
Cast: Jimmy Lin, Hsi Hsiao-long, Blacky Ko, Vivian Hsu

Free Joomla templates by L.THEME