viagra stop english version lisinopril 30mg myla how much cialis is viragra equal viagra deneyimi scadenza cialis cialis before or after alcohol

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Dr. Wai in "the Scriptures with No Words"

Dr. Wai in "the Scriptures with No Words"Chow Si-kit, scrittore di bestseller, in procinto di divorziare, entra in una profonda crisi a causa della situazione coniugale instabile. I suoi aiutanti cercano di spronarlo a finire l'ultimo romanzo con protagonista il suo eroico alter ego cartaceo, un archeologo alla ricerca, negli anni pre-guerra della dominazione giapponese, di un prezioso manufatto dai poteri misteriosi che aiuterebbe il governo cinese a reagire all'invasione nipponica. Accompagnato da due giovani assistenti, incontra spesso sulla sua strada la bella spia Cammy, personaggio ambiguo esattamente a metà tra le forze del bene e i cattivi. Mentre al giorno d'oggi continua la lotta psicologica per risollevare il morale di Chow e spingerlo a rispettare la data di consegna del manoscritto, indietro nel tempo l'avventuriero, grande combattente, profondo conoscitore delle arti marziali, si avvicina sempre di più a risolvere l'intrigo in cui è coinvolto.
Uscito in due versioni, la prima solo nei cinema sud coreani intitolata più semplicemente Scriptures with No Word e alleggerita della parentesi moderna, la seconda per il mercato hongkonghese e internazionale, più lunga, Dr. Wai in "the Scriptures with No Words" è l'ennesima risposta orientale a Indiana Jones. Riparte dal solito eroe cinese Wisely, ribattezzato dal titolo cinese King of Adventurers, in duplice ambientazione, antica (negli anni '30, durante la guerra) e presente (ai giorni nostri, una sottotrama inserita a posteriori da Gordon Chan e Tsui Hark, chiamati in tutta fretta per mettere mano alla pellicola e salvarla, invano, dal disastro al box office). Prodotto in pompa magna - eccellenti la fotografia, le location cinesi (Xi'an, nei pressi della grande muraglia) e le ricostruzioni; di valore superiore alla media il cast -, l'ipetrofico blockbuster non ha portato a casa i tanti soldi spesi. Soffre in particolar modo della macchinosità del doppio livello, che frammenta eccessivamente la narrazione e funziona solo a livello teorico. Ne fanno le spese i comprimari, come Rosamund Kwan, Takeshi Kaneshiro e Charlie Yeung, che hanno poco spazio e scarse possibilità di essere valorizzati, e la regia di Ching Siu-tung, che a partire dalle coreografie poco convinte non ha modo di esprimere la propria tipica propensione al fantastico-avventuroso libero da schemi e inibizioni. Men che meno non aiutano Ching a uscire da un certa impasse l'umorismo grossolano di tante situazioni e le grandi attese commerciali di partenza.

Hong Kong, 1996
Regia: Ching Siu-tung
Soggetto / Sceneggiatura: Szeto Cheuk-hon, Sandy Shaw, Lam Wai Lun
Cast: Jet Li, Rosamund Kwan, Takeshi Kaneshiro, Charlie Yeung, Law Kar-ying

Free Joomla templates by L.THEME