best site for online cialis viagra and paracetamol viagra and liver disease fluoxetine vs fluvoxamine viagra tablets duration viagra muadili comprar cialis en farmacias de madrid

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Dumplings

DumplingsOriginariamente contenuto in versione ridotta nella coproduzione collettiva Three… Extremes, uscito al cinema come film a episodi, Dumplings è stato poi rimontato da Fruit Chan che, comprese le potenzialità del soggetto, lo ha voluto riproporre al cinema sotto forma di lungometraggio vero e proprio.

Nel tentativo di riconquistare il marito una donna, che teme che la sua bellezza possa sfiorire da un momento all'altro, si affida alle magiche cure di una cuoca che per i suoi miracolosi ravioli utilizza ingredienti segreti.
Gli argomenti scottanti – cannibalismo e aborti clandestini, legati a filo doppio – spostano il concetto stesso di cinema dell’orrore, dilatandolo, a dimostrazione che l’estremo è applicabile con coerenza alla (settima) arte. Chan, abituato ad esporsi con schiettezza, da sempre autore di lavori crudi e molto duri, compie un ultimo delicato passo verso la fusione tra genere, exploitation e ambizioni intellettuali. A tal punto da non ricorrere mai al fuori campo, a costo di far inorridire la platea.
In Dumplings, pellicola di altissimo livello tratta da un racconto di Lillian Lee, al pari delle firme precedenti del regista, ci sono sangue e sesso a giustificare il bollino di Cat III. E tre attori in stato di grazia: Miriam Yeung, che cambia faccia per la prima volta in un ruolo così drammatico e disperato, Tony Leung Ka-fai e la «statunitense» Bai Ling, fattucchiera sexy che irretisce chiunque con il suo charme. Resa tecnica di fattura elevata grazie alla fotografia di Christopher Doyle, che riesce a colorare e ravvivare gli squallidi casermi della periferia hongkonghese. Pur trattando argomenti mille miglia lontani dalla tradizione la pellicola riesce a portare con sé un fulgore di spirito tipicamente cantonese che, partendo da un mero spunto culinario, riflette con cinismo a frivola vacuità di una società basata sull'immagine.

Hong Kong,
2004
Regia: Fruit Chan
Soggetto / Sceneggiatura: Lillian Lee
Cast: Miriam Yeung, Bai Ling, Tony Leung Ka-fai, Miki Yeung, Wong Siu-foon

Free Joomla templates by L.THEME