prednisone side effects in cats ligament Topiramate propecia forum uk viagra sale in dubai consecuencias de tomar mucho viagra cheapest nexium for sale viagra ihop med alkohol help why isnt the cytotec working

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Election 2

Election 2Dopo due anni dall’ascesa di Lok (Simon Yam) ai vertici della triade Wo Sing, arriva il tempo di scegliere un successore. Election 2 – Harmony is a Virtue riprende la strada lasciata con il finale di Election e lo fa con un passo più politico e meno didascalico, tratteggiando le dinamiche del potere triadico alle prese con le ambizioni alla normalità di Jimmy (Louis Koo), che diventa il candidato prescelto a raccogliere il testimone di Lok. La questione è che il Lok che esce dai due anni di reggenza non ha intenzione di rinunciare, e Jimmy, seppur riluttante in principio, si rivela un avversario più pericoloso del Big D interpretato da Tony Leung Ka-fai nel primo film.

Il destino non si cambia e per ogni azione ci sono conseguenze da affrontare: chi le sa accettare e riesce ad adattarsi al substrato degli eventi sopravvive, chi nega la forma del mondo per tracotanza d'imposizione della propria volontà soccombe. L'armonia è davvero una virtù, ma nella Hong Kong del dopo handover, il termine armonia ha cambiato significato, e nella scena finale di Election 2 Johnnie To ci spiega i suoi perché.

La violenza assume le sfumature yin del volto e delle movenze di Jimmy, che mantiene il suo profilo di normalità nell’ambizione anche alle prese con la violenza più trucida1.

Un To scuro e cattivo come raramente prima ci consegna un ritratto estremo - e in quanto tale, probabilmente molto romanzato - dei meccanismi che regolano la prosperità e la decadenza delle società triadiche tradizionali: un novello feudalesimo si affaccia alla ribalta di Hong Kong, dopo decenni di rispetto dei costumi antichi.
Simon Yam (Lok), Lam Ka Tung (Kun) e Mark Cheng (Bo, il killer di Jimmy) danno interpretazioni d’eccellenza in parti piuttosto difficili e sfaccettate, soprattutto per Simon Yam, incaricato di marcare la subdola trasformazione di Lok dal primo Election. Nick Cheung (Jet) e Louis Koo (Jimmy) – quest’ultimo, come spesso capita, poco a suo agio in un ruolo drammatico – si fanno maschere di notevole fissità, e però efficace e funzionale la trama. Young You (l’agente Ki della Polizia Cinese) buca lo schermo anche con una particina limitata. La fotografia cupa di notte e assolata di giorno ci avvicina ad un mondo di contrasti, sottolineato dalla colonna sonora in comune con il primo film.

Se l'eco di Fukasaku si fa sentire (soprattutto Yakuza Graveyard), e se alcune battute risuonano dell'epica scorsesiana dei Goodfellas e coppoliana dei Godfather, To non manca come sempre di far suo questo materiale per parlare di Hong Kong e dei giorni nostri, nell’ennesimo, riuscito, affresco puntuale di un’epoca aspra e vitale.

 

1 Stephen Teo, Director in Action: Johnnie To and the Hong Kong Action Film, Hong Kong University Press, 2007



Hong Kong, 2006
Regia: Johnnie To
Soggetto/Sceneggiatura: Yau Nai-hoi, Yip Tin-shing
Cast: Louis Koo, Simon Yam, Nick Cheung, Lam Ka-tung

Free Joomla templates by L.THEME