viagra heart issues as good as cialis prednisone vision problems levitra works best viagra alternative herbs comprar cialis con levitra cialis effective rate buy cheap acyclovir

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

End of the Road

End of the RoadEnd of the Road è una pellicola che non nasconde le sue ambizioni. Opera del taiwanese Jue Yin Pin, un regista «che ha fatto della sua discontinuità un marchio di fabbrica»1, è un dramma ambientato durante l'invasione cinese della Thailandia, con un gruppo di soldati (e relative famiglie al seguito) tragicamente intrappolati tra due fuochi e impossibilitati a scegliere il male minore. Il campionario di personaggi proposto è prevedibile: un traditore dal cuore buono che si sacrifica nel finale; una spia ben infiltrata che pagherà il suo sabotaggio; un vecchio soldato nel cui cuore riesce a fare breccia un giovane orfano; un comandante coraggioso che perde i suoi affetti a causa della crudeltà del conflitto in cui è coinvolto. Con un'unica morale: i comunisti sono cattivi, gli spacciatori di droga (siamo nel famigerato triangolo d'oro) pure, e - sorpresa! - non sono buoni neanche i miliziani thailandesi.
Jue gioca a fare l'autore, il suo stile conciso, frammentato, è una presunta espressione di sottotesti politici (banali). Contaminazione di generi, diretto con mano salda, senza perdersi in fronzoli eccessivi, e basato su una storia verosimile ma, quando necessario, facilmente spettacolare, End of the Road delude per gli ammiccamente populisti e per la scarsa cura per i dettagli. Se non fosse costantemente sopra le righe, sovraccarico, potrebbe essere un discreto oggetto di studio in un panorama non sempre a suo agio con il film di guerra. Blanda la direzione degli attori, che trasforma in macchiette una serie di caratteri studiati a tavolino. Forse una scelta voluta (ma alla lunga suicida): proprio perché visti come parti di un tutto che ha il sapore insito del classicismo gli interpreti non possono che agire e pensare nell'unico modo possibile. Spiraglio di luce in tanta piattezza la prestazione di Ng Man Tat, libero di rendere drammatico un personaggio all'inizio grottesco; al confronto sono da dimenticare le pessime apparizioni di Tony Leung Chiu-wai e Ray Lui, del cui inutile personaggio - un mercenario senza scrupoli che traffica in oppio - non si sentiva francamente il bisogno.

Note:
1. Giona Nazzaro, Andrea Tagliacozzo - Il cinema di Hong Kong (Le Mani, 1997).

Hong Kong, Taiwan, 1993
Regia: Jue Yin Ping
Soggetto / Sceneggiatura: Yip Wan Chiu, Wu Nien-jen
Cast: Ip Chun Hung, Tok Chung Wa, Yip Chuen Chan, Ng Man Tat, Jimmy Lin

Free Joomla templates by L.THEME