what's best place buy viagra online best website to buy levitra acheter du cialis en espagne ketoconazole cialis interaction viagra levitra cialis better viagra delhi price viagra for treating pulmonary hypertension

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Frozen

FrozenLeslie Cheung è morto il 1 aprile 2003, meno di dieci anni fa. Eppure il suo pubblico, i suoi fan, la sua audience gli sono rimasti fedeli. Che fosse un fuoriclasse, una popstar di caratura superiore, non è mai stato in discussione; né il suo sex appeal, anche dopo il doloroso coming out, né la sua posizione di leader anarchico dell’industria dello spettacolo. Ha dominato gli anni Ottanta e Novanta, per Stanley Kwan è diventato spettro e oggi torna, nel 2010, ad aleggiare sul moribondo cinema di Hong Kong grazie a Derek Kwok. E a Leon Lai, uno dei quattro Heavenly Kings, che si rapporta in questa strana produzione al «mito» patrocinando indirettamente l’intera operazione.

Un passo indietro.Di Derek Kwok si è detto tutto il bene possibile ai tempi degli esordi (The Pye-Dog, 2007), del bis (The Moss, 2008) e della conferma (Gallants, 2010). Questo passo intermedio, il terzo, invece è niente più che una marchetta. Si intitola Frozen, voci di corridoio danno come co-sceneggiatore non accreditato anche l’apprezzato Clement Cheng e il titolo cinese, For Your Love Only, parla ancora più chiaro di quello inglese.

Perché For Your Love Only è un grande successo del 1985 proprio di Leslie Cheung, uno dei primi convincenti passi musicali del futuro gigante; oltre che il leit motiv della soundtrack chitarra e voce che un’altra popstar, il giovanissimo Arif Lee, protagonista metacinematografico di Frozen, porta qui in primo piano.
Una cinematografia a corto di idee e di mezzi mette in scena un memoir autoreferenziale.

Visto così, Frozen ha del senso. Vista come pellicola a sé stante, invece, è un fallimento completo. Gli anni Ottanta sono stati la stagione calda del cinema di Hong Kong, quella più ribollente. Ripercorrerli a ritroso come fa Kwok è un atto di coraggio, oltre che di onestà intellettuale. Il film prende un pretesto qualsiasi per creare un corto circuito temporale – l’espediente è kitsch, un po’ come in I Love Maria (1988, di Tsui Hark) – e per buttare nella mischia due teenager innamorati pazzi. Lei, fan di Leslie, lui che del cantante condivide patronimico e data di nascita. Si trovano sui banchi di scuola, si corteggiano, diventano una coppia e sul più bello lei muore. Poi viene resuscitata vent’anno dopo dal nonno scienziato di fama mondiale per scoprire, ancora giovane e bella, di aver partorito in coma una figlia adolescente e che il suo ex spasimante è diventato un rottame umano. Rottame va considerato, in tutti i sensi, Leon Lai: chiede alla regia prezzolata uno specchietto per le allodole ricco di riferimenti – decine e decine, una sorta di trivia prolungato per gli amanti del cinema cantonese di tre decadi orsono. E lo obbliga poi a lasciargli il palcoscenico per un concerto finale.
La vendetta è dietro l’angolo.
Anche se l’operazione commerciale aveva altri intenti, Leslie Cheung dall’aldilà, non ha bisogno nemmeno di apparire, aleggia sull’opera e mangia la scena a tutti quanti, rubando il cuore anche degli spettatori di oggi. Videoclip, romanticismo e titoli di coda tristissimi che scorrono sul più bello, e più d’una volta ci si commuove di fronte al trash. Memoir, si diceva, e ne sono più che convinto: almeno finché un mito, quello di Leslie Cheung, il gigante, il rebel without a cause, vivrà nei cuori del pubblico e sarà più puro di ogni operazione mainstream fatta alle sue spalle.

 

Hong Kong, 2010
Regia: Derek Kwok
Soggetto/Sceneggiatura: Derek Kwok, Yim Ka-yee
Cast: Janice Man, Janice Wei, Aarif Lee, Leon Lai, Ti Lung.


Free Joomla templates by L.THEME