canadian medicine Clomid and hcg injections side for twins viagra so expensive paying for kamagra with paypal australia cheapest viagra buy cheap viagra

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Good Times, Bed Times

Good Times, Bed TimesDue storie e quattro personaggi si intrecciano e si rincorrono: il poliziotto Paul, aitante simbolo delle forze dell'ordine - ma in realtà molto poco prestante -; la reporter scandalistica Carrie, che si innamora a prima vista del suo bersaglio; il giudice donnaiolo Raymond, già fidanzato di Carrie, costretto per ottenere una promozione a una condotta morale più che rigorosa; la giovanissima Tabby, che insidia Raymond in maniera piuttosto esplicita. Due storie d'amore (e di sesso) parallele, con le pedine che si scambiano i posti alla ricerca del giusto partner, tra mille difficoltà e le solite incomprensioni del caso.
Basato su malcostumi verosimili (il gossip e l'invadenza dei paparazzi; il sesso occasionale; i teenager agguerriti e sfrontati), Good Times, Bed Times è una commedia corale il cui buon risultato al botteghino, complici i nomi delle (pop)star coinvolte (sulle prime pagine dei tabloid l'allora presunta coppia Cheng - Koo; di appeal non minore l'inedito duo Lau Ching-wan - Charlene Choi) e l'affidabilità degli artefici (già autori del dittico di successo La Brassiere - Mighty Baby), era facilmente preventivabile. Spigliata, moderna, sopra le righe, a tratti quasi osé, anche volgare ove occorra (l'impotenza del macho affrontata di petto), la pellicola è un esempio lampante di opportunismo spicciolo, non particolarmente originale né apertamente schierata su un fronte, al contrario volutamente ammiccante e altalenante di genere in genere (mélo, commedia e dramma). La comicità volatile, da instant movie derivativo (Love for All Seasons, per esempio, con gli stessi protagonisti nei medesimi ruoli), esclude a priori qualsiasi velleità extra-commerciale, ma il cast - comprese le tante guest star: si mettono in luce soprattutto Lee Lik-chi, Tony Leung Ka-fai e Sandra Ng - e le citazioni a getto continuo (la parodia onirica del noir; il finale tipo Ufficiale e gentiluomo; la variante sexy in tribunale) funzionano e tengono alto ritmo e morale. Decisamente peggio la colonna sonora, costantemente indecisa tra la dance delle Twins e il classico canto-pop melodico.

Hong Kong, 2003
Regia: Patrick Leung, Chan Hing-kar
Soggetto / Sceneggiatura: Chan Hing-kar, Lam Suk Yin
Cast: Louis Koo, Sammi Cheng, Lau Ching-wan, Charlene Choi, Sandra Ng

Free Joomla templates by L.THEME