viagra and pregancy viagra effectiveness with food cialis 2 giorni di seguito how to maximize the power of viagra sildenafil erectile dysfunction viagra effects 0n pme prednisone prescription

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Hong Kong Nocturne

Hong Kong NocturneTre sorelle che amano lo spettacolo - cantano e ballano molto bene - lavorano come assistenti per il padre prestigiatore, e ben presto gli rubano la scena. Le liti familiari portano le tre donne a separarsi e a provare ognuna una strada differente: Tsui Tsui vola in Giappone per sfondare nel mondo del cinema; Ting Ting vuole applicarsi per diventare ballerina classica; Chen Chen si unisce al marito compositore per provare l'avventura televisiva. Non mancheranno delusioni, sogni infranti, desideri realizzati, piccole rivincite con tanti buoni sentimenti a fare da collante.
Se la forma è tipicamente hollywoodiana, con quei tocchi raffinati e esotici che il regista giapponese1 provvede a smistare, il contenuto è tipicamente orientale. Le tre parentesi sono semplici wenyipian ricchi di chaqu, ovverosia melodrammi sentimentali con frequenti digressioni musicali, più o meno allegre, a seconda del momento. Il finale amaro rappresenta bene la disillusione delle tre protagoniste - il tema portante è che sugli uomini non si può fare affidamento - e canalizza in un sol colpo la tensione emotiva sin lì accumulata. Quello delle Sing-Song Girls - traslitterazione onomatopeica di un termine del dialetto di Shanghai, xiansheng (letteralmente: gentiluomo) - è un genere a sé stante, con regole e personaggi predefiniti. Non differisce Hong Kong Nocturne, che lancia tre dive, Cheng Pei Pei (ballerina per davvero), la seducente Lily Ho (cui spettano le scene provocanti: si veda il bagno nell'ostrica con un velo trasparente a coprirne le grazie) e l'innocente Ching Ping. E' tipica del cinema mandarino la latitanza di personaggi maschili di rilievo - il padre approfittatore; il maestro scorbutico: anche se poi si ravvedono non hanno valenza positiva -, tanto che c'è spazio a malapena per il divo Peter Chen, che si ripropone nello stesso identico ruolo, con meno minuti a disposizione, di Till the End of Time, dell'anno prima. La trama è scontata, con tutti gli stereotipi possibili, ma i numeri ballati e cantati sono una gioia per gli occhi; merito delle coreografie e della grazia delle tre primedonne. La fotografia, le splendide musiche, le scenografie e i costumi aumentano il coinvolgimento e accompagnano lo spettatore attraverso gli alti e i bassi sentimentali.

Note:
1. Inoue Umetsugu, al debutto a Hong Kong, accettò la chiamata degli Shaw Brothers (allettati dalla fama dei registi giapponesi, conosciuti per la professionalità e per la puntualità: saranno ripagati da ottimi incassi) in un momento di crisi del mercato giapponese. Aveva dato buona prova del suo valore girando film di successo per la Toho e per altre major.

Hong Kong, 1967
Regia: Inoue Umetsugu
Soggetto / Sceneggiatura: Inoue Umetsugu
Cast: Cheng Pei Pei, Lily Ho, Chin Ping, Peter Chen, Ling Yun

Free Joomla templates by L.THEME