viagra pre zeny shop which is the best viagra available in india viagra wirkung herz proventil precautions biggest dose viagra

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

I Love Maria

I Love MariaUn gruppo criminale, che si fa chiamare Hero Gang, produce temibili robottoni progettati per compiere rapine e precipitare la città in un regime di terrore. Un ubriacone, membro in fuga dalla gang (che ovviamente vuole sua testa), si unisce a un poliziotto, inventore strampalato e geniale, e a un giornalista coraggioso. Il loro intento è intrufolarsi nel quartier generale dei malviventi e distruggere tutti i robot: per fare ciò riescono a riprogrammare un androide dalle forme femminili, Maria, riproduzione di una donna uccisa a tradimento dal fidanzato, il capo dei banditi.
I Love Maria è il tipico ibrido tutto hongkonghese, a metà tra genialità, assurdo precalcolato e demenzialità impoverita. Impossibile catalogare in diverso modo un prodotto fantastico a metà tra commedia e azione spettacolare, con un regista come co-protagonista (Tsui Hark, simpatico), mille citazioni - in primis Robocop, anche se non troppo - e situazioni dove predomina un umorismo irrancidito, sbilanciato e perennemente fuori controllo. Parodia di se stesso e dei prodotti coevi della Cinema City (John Shum che riprende, con il personaggio dello scienziato incompreso, il poliziotto di Pom Pom), il film di David Chung - conosciuto anche come Roboforce, anche se il titolo cinese è più efficace: Invincile Maria's Iron Armor -, prodotto dalla Film Workshop di Tsui - riconoscibile per i tipici effetti speciali finto-spettacolari e dalle spettacolose coreografie targate Ching Siu-tung - e distribuito dalla Golden Harvest, è una farsa ripetitiva e stupidina, costantemente sopra le righe, eppure divertente quanto basta, se non si hanno troppe pretese. Le curiosità riguardano la colonna sonora, rubata a Invasion U.S.A. di Joseph Zito, con Chuck Norris, e all'album Wavelenght dei Tangerine Dream, e gli attori, tra cui spiccano la verve di Sally Yeh, costretta a due ruoli - è più a suo agio come robot che come donna in carne e ossa -, la cattiveria di Ben Lam e l'ingenuità di un Tony Leung Chiu-wai visibilmente spaesato. Al contrario delle previsioni, pur non essendo costato molto, I Love Maria è stato un flop clamoroso, rimanendo in cartellone per soli sei giorni.

Hong Kong, 1988
Regia: David Chung
Soggetto / Sceneggiatura: Yuen Gai Chi
Cast: John Shum, Tsui Hark, Sally Yeh, Tony Leung Chiu-wai, Ben Lam

Free Joomla templates by L.THEME