prednisone ketosis now that i found valtrex how many viagra can i take at one time is it safe to take viagra when trying to conceive contraception versus viagra

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Illicit Desire

Illicit DesireIllicit Desire è uno dei tanti film fotocopia della terza fase della carriera di Li Han-hsiang, deluso dal forzato ritorno agli Shaw dopo l'infelice parentesi taiwanese. La continuità tematica e la ripetizione programmatica di temi già esplorati non precludono la visione: non è pertanto, sia ben chiaro, una sterile riproposizione di déjà-vu, piuttosto un'ammaliante esposizione di lucidità storico-critica dettata dai ritmi e dall'intelligenza (della regia) di Li. Il quale sfrutta l'allargamento delle maglie censorie per espletare la sua recente passione per nudi insistiti e situazione morbose voyeuristicamente adulte. Il cinismo del romanzo fengyue si concreta pertanto in un'esplosione amorale di sensualità e meschine bassezze spacciate per furbizie popolari. Lo spunto di partenza è la trasposizione indecorosa di tre classiche storie della tradizione cinese. 1) Il gioco di inganni tra uno scolaro e un monaco, che si contendono un prezioso saggio di calligrafia; 2) L'adulterio1 ordito da un signorotto libertino per godere delle fresche carni (e dei minuscoli piedini) della bella moglie di un suo sottoposto2; 3) La tresca incrociata di due coppie infedeli, reciprocamente costrette a confrontarsi.
Quello di Li è un trattamento indecoroso - con velleità dissacratorie, per fortuna né stupido né eccessivamente volgare, semmai esuberante: in questo si differenzia, per fare un esempio, dai decamerotici all'italiana - che per contrappasso privilegia corpo e sensi invece della dimensione pura e spirituale. Denunciando al tempo stesso il suo disappunto e l'auto-degradazione del pubblico - e per metonimia della società - hongkonghese, riflessa dal cinema che ne ingigantisce vizi e ipocrisie attraverso l'unica satira possibile, la metafora storico-sociale-culturale. Quello che rende l'esperienza interessante è lo spirito distaccato di Li, che non a caso abusa di grandangoli, lenti deformanti e rozze zoomate. Anche in un contesto così decadente la gratuità del piccante è un'opzione; i toni esacerbati e per di più scatologici non impediscono al colto regista - probabilmente il miglior storico di casa Shaw - di sciorinare la sua autorevolezza da perfetto archeologo per ridare splendore - sfruttando a dovere le grazie e il poco pudore di provocanti starlette quali Lily Chen, Woo Gam e Chan Ping - al passato remoto di scolari, imperatori, monaci e cortigiani.

Note:
1. Vissuto in flashback come completamento di una vendetta, con un piccolo espediente che anticipa nettamente Il nome della rosa di Umberto Eco.
2. La storia di adulteri e complotti - dal testo classico Jin Pin Mei, di cui si ipotizza una genesi fantasiosa -, sarà ripresa più volte dal cinema (erotico) e dallo stesso Li con il noto The Golden Lotus.

Hong Kong, 1973
Regia: Li Han-hsiang
Soggetto / Sceneggiatura: Li Han-hsiang
Cast: Yueh Hua, Cheng Miu, Tien Ni, Woo Gam, Lily Chen

Free Joomla templates by L.THEME