idade para tomar viagra tramadol canine dosage viagra prednisone blood pressure elderly effects kamagra viagra oral jelly how to take cialis pills

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Journey To The West: Conquering Demons

Journey to the West

Di un ritorno di Stephen Chow alle storie e ai personaggi di Viaggio a Occidente si parlava da quasi un decennio. Del resto, i progetti di Chow che non hanno mai preso realmente vita sono una miriade e anche il più volte annunciato ritorno del monaco scimmiotto sembrava un’operazione destinata alla stessa fine.
E invece no.

Perchè il nostro giullare preferito, stavolta, ha fatto sul serio: ha imbarcato un giovane di bellissime speranze come Derek Kwok, ha rielaborato la materia del romanzo costruendo un semi-prologo alla partenza verso l’occidente del drappello di eroi di Wu Cheng’en, ha rinunciato a metterci la faccia (anche se qualche voce l’aveva dato per protagonista), ha impegnato mesi di postproduzione per arrivare a un risultato visivo che soddisfacesse la sua visione del racconto (un fantasy tra il grottesco e il comico, come è Viaggio a Occidente), e alla fine ha fatto centro. E non si tratta di un risultato da poco, visto che Journey to the West: Conquering Demons ha raggiunto il record di incassi in sala per un film cinese, e già si parla di uno o più seguiti. E il film - ci si chiederà dopo cotanto cappello introduttivo - com’è?

Beh, il film è bello, molto bello. C’è da dire che, date le premesse, difficilmente il risultato avrebbe potuto essere deludente: la materia originale è un pozzo straordinario di vicende visionarie e parecchio cinematografiche, e l’esperienza e la carriera di Stephen Chow - allievo prediletto di uno che le storie dello scimmiotto le ha sviscerate in lungo e in largo come Jeff Lau - sono una garanzia. In effetti Journey to the West: Conquering Demons è una pellicola al contempo à la Stephen Chow e uno dei più sentiti omaggi al cinema di Jeff Lau, e soprattutto al suo dittico di A Chinese Odyssey (che già vedeva Chow protagonista, nei panni di un Joker-scimmiotto). Per chi sia innamorato della maniera in cui Lau racconta le sue storie e i suoi personaggi, o per chi sia affascinato dalle narrazioni del romanzo (accostabile per importanza a quello che sono per altre culture opere come la Divina Commedia o Le mille e una notte) questo è dunque un film irrinunciabile, che risalta rispetto a un panorama del fantastico contemporaneo parecchio arido (e non solo in Asia). Com’era stato già (il sottovalutato) A Chinese Tall Story di Jeff Lau - film cui paga un debito di riconoscenza palese in molte scene - Journey to the West: Conquering Demons altro non è che una variazione sul tema della storia del monaco Xuanzang e del suo viaggio verso l’illuminazione, un percorso che prelude alla partenza “verso Occidente” per riportare le scritture buddiste dalla Cina all’India, in cui sono gli incontri fatti prima della partenza a segnare indelebilmente i protagonisti. I destini dei personaggi sono inoltre legati dalla storia di un amore umano: una storia negata, procrastinata, vissuta dolorosamente in quanto ostacolo e non in quanto occasione di bellezza da Xuanzang (Wen Zhang), cacciatore di demoni che ripudia la violenza ma ricerca l’amore più grande, quello del e per il Buddha, respingendo quello tutto terreno che la collega Bai Gujing (Shu Qi) insistentemente gli offre, e delle disgrazie amorose dei demoni Sabbioso, Porcellino e Scimmiotto, colpevoli di crimini dettati dall’amore terreno e dunque confinati in uno status di limbo tragico nelle loro forme demoniache. Se di Stephen Chow non si vede il volto, sullo schermo se ne distinguono lo zampino e le movenze, affidate a un trio di attori straordinari come Wen Zhang, Shu Qi e Huang Bo, che frammentano la mimica di Chow in tre parti, navigando tra anelli dorati, fiori di loto, monitorie mani giganti di Buddha, serafici maestri, improbabili guerrieri erranti e serenate sotto la luna sulle note di una colonna sonora ripresa dal James Wong di A Chinese Odyssey, passando per i capolavori di Chow come Shaolin Soccer e Kung Fu Hustle.

Un film ricco, che fa ridere, commuovere e riflettere, alla ricerca di una strada (verso Occidente) che coinvolge i protagonisti e gli spettatori: un cinema che ricorda quello frizzante, ma abitato da una vena di tristezza, della Hong Kong a cavallo tra ‘80 e ‘90, che è stato ripreso nei suoi effetti visivi da tutto il cinema contemporaneo, ed è passato attraverso la lezione controcorrente di Jeff Lau e il suo percorso sui generis da comico becero a geniale giullare globale, per giungere sino a noi. Grazie Stephen Chow, di film così ne abbiamo un gran bisogno.

Hong Kong/Cina, 2013
Regia: Stephen Chow, Derek Kwok.
Sceneggiatura: Stephen Chow, Derek Kwok, Huo Xin, Huang Yun, Lee Sheung-ching, Fung Chih-chiang, Lu Zhengyu, Ivy Kong.
Action Director: Ku Huen-chiu.
Cast: Shu Qi, Wen Zhang, Huang Bo, Show Luo, Chrissie Chau, Lee Sheung-ching.

Free Joomla templates by L.THEME