cymbalta cialis interaction effect and side effect of viagra price for viagra at cvs come riconoscere il viagra venta viagra bogota viagra herrera le cialis ne me fait aucun effet

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Life After Life

Life After LifeRaymond Lam è un fotografo appassionato di astronomia che sta preparando una sfilata di moda di richiamo internazionale, con l'aiuto del Multivision, un nuovo sistema di proiezione di immagini e di una modella di nome Di Di. La sfilata prevede l'uso di alcuni burattini antichi, ma non appena Raymond ne entra in possesso, chiedendoli a una vecchina dal passato disastrato, incominciano a capitargli cose davvero strane. Perfortuna Di Di lo assiste, lo fascia e lo incerotta, infischiandone del fidanzato ufficiale e ricco e inconsapevolmente impegolandosi in un terribile e realistico déjà-vû...
Incominciando col dire che quello con George Lam piccoletto rubacuori è un filone cinematografico a sé stante con cui purtroppo ogni tanto bisogna fare i conti, Life After Life ha di buono i costumi, ricercatissimi, e tutta la parte che si occupa dell'opera cantonese e dei burattini, ma ha di cattivo tutto il resto. A partire dagli effetti visivi e sonori un po' insopportabili, perché insistenti e oggi datati (sintetizzatori anni ottanta, luci stroboscopiche, scariche elettriche degne di Tron, e scintille in ogni salsa possibile...). Per non parlare della trama, messa in chiaro nei primi cinque minuti e poi srotolata faticosamente per un'ulteriore oretta buona con pochissima fantasia a rimasticare i temi della reincarnazione e del soprannaturale. E non è che gli attori siano di qualche aiuto (il burattino lo è già di più, non contanto il fatto che dovrebbe essere uno e uno solo, e invece a ogni inquadratura ha sempre una faccia diversa...): come già detto, George Lam quando fa l'affascinante diventa una piaga, insopportabile, monolitico (ma vestito splendidamente!), intento solo a non rovinarsi la pettinatura; Patrick Tse è stantìo, e Flora Cheung sa di prototipo telecomandato di Carina Lau. Elementi interessanti qua e là ce ne sono (la scena iniziale per esempio colpisce, con quel buio e quel gran grido...) e il film non è (quasi) mai completamente ridicolo o inverosimile, ma tutto viene portato troppo per le lunghe non brillando né per originalità né per resa visiva o tecnica, e in più i flashback della vita precedente di George Lam, invece che di memorie di una vita fa, danno piuttosto l'impressione di avanzi di moviola che altrimenti sarebbero andati buttati. Come si fa a fare un intero film sull'idea sbiadita di un uomo che va via girato, con la giacca in spalla? Chiedetelo al regista di Life After Life!

Hong Kong, 1982
Regia: Peter Yung
Soggetto / Sceneggiatura: Peter Yung, Benny Tam
Cast: George Lam, Flora Cheung, Patrick Tse, Chun Wong, Lung Tin Sang

Free Joomla templates by L.THEME