generic viagra canadian customs how to use viagra yahoo el viagra funciona con las mujeres cialis dosaggio 40 mg cara minum levitra viagra nach ablauf maca el viagra natural son buenas las pastillas cialis

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Love in a Fallen City

Love in a Fallen CityDopo il grande successo di Boat People la grande occasione di Ann Hui è simboleggiata dal prestigioso scudetto degli Shaw Brothers. Con un budget sostanzioso e tanta libertà di azione, la regista mette subito al lavoro tecnici e troupe - Tony Hope direttore della fotografia, Stanley Kwan aiuto regista, Tony Au direttore artistico - per creare l'atmosfera giusta per l'adattamento dell'omonima novella della scrittrice Eileen Chang. Di mélo si tratta e dalla coppia mélo per eccellenza - Chow Yun Fat e Cora Miao, riuniti per la quarta volta consecutiva a partire dal dramma televisivo Hotel - non si può prescindere.
Ambientato in prossimità della seconda guerra mondiale, Love in a Fallen City è la scoperta dei sentimenti di due persone sole: una, un ricco emigrato di ritorno dall'Inghilterra, dal carattere gioioso e vitale, prende ogni cosa, anche le emozioni profondi, con un'idea tutta particolare di serietà; l'altra, divorziata e a carico di una famiglia che non perde occasione per biasimarla, timida e morigerata, cerca solo una chance per voltare pagina. Due anime che si incontrano e provano, studiandosi, a capire se può nascere qualcosa. Sarà proprio la guerra a costringere i due amanti, il cui tira e molla parrebbe continuare all'infinito, a optare per una decisione netta.
Esplicito ma sempre controllato, Love in a Fallen City è un dramma razionale, algido, che rivela presto la sua origine letteraria - l'apertura quasi teatrale; alcune battute cerebrali e poco spontanee - e che gioca molto sull'eleganza per sottolineare lo sguardo distaccato dell'autrice. Non siamo però di fronte a un lavoro impersonale o superficiale: la pellicola contempla con occhio critico il problema dell'identità, giocando sul contrasto di personalità tra il ricco gentleman di Hong Kong che è attratto dalla cinesità della donna di Shanghai e l'attaccamento quasi masochistico di lei a usi e costumi, repressivi, da non abbandonare neanche in caso di disperazione assoluta. Messa in scena sontuosa, recitazione di altissimo livello, ricostruzioni di millimetrica precisione, colonna sonora avvolgente e struggente (opera di Violet Lam, premiata con l'Hong Kong Film Award): non è il capolavoro annunciato ma un esempio molto solido di come sia possibile far coesistere due tipi di Storia - il conflitto bellico e il tormento amoroso - e di come si possa sintetizzare attitudine intellettuale, dilemmi (sovra)nazionali, derive emotive, temi multietnici e spirito popolare.

Hong Kong, 1984
Regia: Ann Hui
Soggetto / Sceneggiatura: Fung Cho
Cast: Cora Miao, Chow Yun Fat, Geung Chung Ping, Chiao Chiao, Helen Ma

Free Joomla templates by L.THEME