highest safe dosage viagra taking cialis before prostate surgery other medical names viagra levitra e pressione oculare viagra use in diabetics wie lange dauert bis viagra wirkt does viagra decrease blood pressure

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Loving You

Loving YouIl poliziotto Lau, rompiscatole sul lavoro e menefreghista nei confronti della moglie, ha un conto in sospeso con un pericoloso criminale. Prima che questi lo ferisca costringendolo a una lunga degenza in ospedale, trova il modo di farsi odiare da tutti coloro che lo circondano. La moglie trascurata aspetta un figlio non suo e vorrebbe abbandonarlo, ma l'incidente, in cui l'uomo perde momentaneamente gli istinti primari, è l'occasione per tentare una difficile, se non impossibile, riconciliazione.
Con Loving You Johnnie To inizia un percorso capace di dare nuova linfa al noir. Ci si inchina di fronte a «uno dei film più importanti e innovatori della seconda metà degli anni novanta»1, necessario apripista per i futuri capolavori del regista (soprattutto A Hero Never Dies) e del suo entourage (Too Many Ways to Be No. 1 di Wai Ka-fai, la trilogia nera di Patrick Yau). Numerosi e importanti gli elementi di novità introdotti nel genere: il porre l'attenzione sul realismo e su una concezione dell'azione non necessariamente nuova - stunt pericolosi, opera di Yuen Bun, ambientati in città e filmati nel modo più realistico possibile -; il ritorno alle origini, con uno sguardo alla veemenza del poliziesco dei primissimi anni ottanta, senza però dimenticare il lavoro di quei registi - più Ringo Lam che John Woo - che solo qualche anno dopo ne avrebbero rinnovato (sentimentalmente) le coordinate stilistiche.
Proprio i piccoli dettagli assumono un ruolo di fondamentale importanza. Nel contesto generale di un dramma a tinte forti diviso in tre parti (la prima mescola azione e introspezione; la seconda fissa l'obiettivo sui due protagonisti, marito e moglie, delineandone la profonda crisi spirituale; la terza torna all'azione pura e fa esplodere, letteralmente, l'intero campo), è lo sguardo di To, palesato dalla camera che indugia sulle piccole cose, nei momenti di quiete, ad appassionare. Con alle spalle l'esiguo budget messo a disposizione dai moribondi Shaw Brothers, To mette a punto l'impalcatura tipo su cui costruirà almeno cinque anni di cinema irraggiungibile. Le rapide carrellate, montate in sequenze brevi e alternate, sottolineano la velocità dell'esecuzione e ne riflettono la pericolosità, la durezza, la compattezza. L'irruzione dell'ordinario nello straordinario poliziesco, delle emozioni quotidiane in una cornice inusuale, permette un contrasto dove sentimenti e movimenti vanno di pari passo.

Note:
1. Alberto Pezzotta - Tutto il cinema di Hong Kong (Baldini & Castoldi, 1999 - pagg. 139-140, 355).

Hong Kong, 1995
Regia: Johnnie To
Soggetto / Sceneggiatura: Yau Nai-hoi
Cast: Lau Ching-wan, Carman Lee, Tok Chung Wa, Ruby Wong, Yuen Bun

Free Joomla templates by L.THEME