buying lortabs online flagyl side effects during pregnancy Cymbalta RX viagra stopped working for me kamagra in vietnam

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Merry Christmas

Merry ChristmasUn papà un po' dispettoso e burlone, tre figli moderni ma bravi e affezionati, una vicina di casa che fa irreprensibilmente da baby sitter e da oggetto del desiderio (incoffessato) davvero adorabile (tranne quando fa le prove di canto, tutte le sere alla stessa ora...), dei colleghi di lavoro giocherelloni e un farabutto e simpatico giovinastro che continua ad aggirarsi per casa mirando al concupimento della figlia maggiore. Questi i personaggi di Merry Christmas, ovvero il Natale 1984 secondo Clifotn Ko (regista) e Karl Maka (primo attore), meritevolissimo testone pelato instancabile e incontenibile. Fantastico. Sebbene la storiella della famigliola col papà vedovo non sia niente di eccezionale, lui sa renderla un meccanismo a scatto (ma anche a molla) di assoluta precisione che reagisce alle sue sollecitazioni e a sua volta lo punzecchia, in una serie cataclismatica di gag da sbellicarsi (senza esagerazione) dalle risate. Certo, a patto di amare le commedie sceme, ridere con semplicità e ingenuità, e fare poco i diffidenti con gli anni ottanta (esiste una intera generazione di persone che negli anni ottanta aveva da poco tolto il ciuccio e che gli anni ottanta li ha vissuti col bavaglino, evidentemente legando echi di vicende personali a orrori estetici quali pettinature, trucco, spalline giganti negli abiti femminili, e ora da' per scontato che questi anni siano tutti da buttare, in blocco, e senza distinzione di nazionalità...). La comicità di Maka è descrivibile con un principio felliniano, antico e circense: lui è semplicemente un clown bianco, cioè uno di quei pagliacci tutti vestiti elegantemente, col cappellone a cono, con le sopracciglia dipinte in una smorfia maligna, e con la faccia sempre perfettamente incipriata. Il clown bianco, al circo, ne fa vedere di cotte e di crude al clown augusto, ossia a quello stupidino e ignorante, fesso e goffo, ridicolo e cialtrone, salvo poi venirne buggerato quasi per sbaglio, solo perché l'augusto, a furia di tentativi inprovvisati contro quelli calcolati del bianco, qualche volta riesce a coglierlo di sorpresa e ad assestargli qualche sonora lezione. In Merry Christmas sono tutti praticamente clown augusti, tranne Karl Maka che è il capo dei clown bianchi, Leslie Cheung che è un augusto con aspirazioni lestofanti da bianco, e il cugino quasi marito di Paula Tsui, che arriva nel finale a farsi prendere a calci nel sedere (e a prenderne) dal rivale bianco. Inizio demente (cosa può succedere in un tranquillo ufficio hongkonghese nel giorno del proprio compleanno!!!), centro da sit-com senza pretese ma con i ritmi tutti perfetti, e finale romantico: Merry Christmas è un ottimo prodotto della compianta Cinema City, nonché un eloquentissimo esempio di quanto il cinema di Hong Kong degli anni ottanta, nelle commedie (ma non solo), sia riuscito a essere migliore di tanti altri cinemi anche importanti, senza necessariamente brillare né per acume né per mezzi, affidandosi solo al corpo degli attori, alla loro parlantina sfrenata, e al loro muoversi veloci e sicuri tra gli spazi angusti di appartamenti sovraccarichi e caos indescrivibili (ma ci sarebbe un discorso più ampio da fare: i film made in U.S.A. degli anni ottanta, le commedie soprattutto, sono tutti da rivalutare; così come anche certi film d'autore francesi e italiani; e il caos c'era dappertutto, non certo solo a Hong Kong...).

Hong Kong, 1984
Regia: Clifton Ko
Soggetto / Sceneggiatura: Clifton Ko, Fung Sai Hung
Cast: Karl Maka, Paula Tsui, Danny Chan, Rachel Lee, Yuen Woo Ping

Free Joomla templates by L.THEME