acheter viagra canada viagra sklep warszawa viagra amlodipine besylate 400 mg viagra plus viagra asiatica come evitare gli effetti collaterali del cialis

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

The Eye 10

The Eye 10Il titolo originale del terzo appuntamento a tema diretto da gemelli Oxide e Danny Pang, The Eye 10 (alias The Eye ∞ alias The Eye Infinity), è più significativo e ironico di quanto si possa pensare. Quello dei tre The Eye, che originariamente non doveva diventare una saga, è un discorso di puro marketing, che ora tenta, senza brillare per particolare inventiva, la strada dell'ironia, allo stesso modo di quanto fecero parecchi anni prima Wes Craven e Kevin Williamson dando vita a Scream e compagnia.

The Eye 10 (titolo italiano: The Eye 3: Infinity) non è infatti semplice rilettura spiritosa degli originali, piuttosto rivitalizzazione tragicomica di stereotipi canonici di due esperienze horror panasiatiche mescolate senza soluzione di continuità.
Da un lato la grossolanità e il folklorismo dei brividi thailandesi (vedere Body Jumper di Heamarn Cheatamee o Headless Hero di Kromsan Tripong per farsi un’idea), dall'altro la pungente vena satirico-sociale della tradizione cantonese dei vari Mr. Vampire e Troublesome Night, capisaldi del genere a Hong Kong a cavallo tra anni ’80 e ‘90. Il titolo stesso, «nomen omen», cela intenti più profondi di quanto si possa credere: i suffissi 10 e infinito sono infatti sia una ironica presa in giro dell'abitudine tutta orientale di accumulare seguiti su seguiti sfruttando, in periodi di ipertrofia produttiva, una formula di successo; ma al tempo stesso sono un richiamo alle superstizioni locali, che prevedono dieci modi - i primi due, trapianto della cornea e tentato suicidio durante la gravidanza, esaminati in maniera seria in The Eye e The Eye 2 - per potersi mettere in contatto con l'aldilà e vedere i morti.
Si tratta perlopiù di barzellette sovrannaturali, che prevedono giochi (di ruolo), improvvisare un nascondino tenendo in braccio un gatto nero, e luoghi comuni, aprire un ombrello in un luogo chiuso oppure ricorrere ad una tavoletta Ouija. Rispetto ai prototipi, molto patinati, i fratelli registi adottano qui un punto di vista nettamente stravolto, caratterizzato in primis dagli ambienti poveri, dagli attori semi-esordienti e dalla fotografia sporca e sgranata. La scarsa cura formale, in un contesto scenografico primitivo, tradisce l'ambizione di voler tornare alle origini delle paure ancestrali. L'idea che il realismo contestuale metta a proprio agio la platea non funziona del tutto, e diventa piuttosto sintomo di pressapochismo tecnico. Una scelta tattica che dunque non paga: gli interpreti giovani e di belle speranze sono volti che senza una guida decisa non rendono granché, mandati al macero come pedine senz'anima; le location scarne non garantiscono l'autenticità di un prodotto indigeno e non incuriosiscono; la realizzazione macchinosa e frastagliata pone seri dubbi sull'adeguatezza di un budget che non supporta a dovere, fin dalle prime inquadrature, con effetti speciali obsoleti, soggetto e sceneggiatura già di per sé raffazzonati.
Cosa rimane, quindi? Qualche momento divertente; un paio di debutti importanti (le popstar Isabella Leong e Wilson Chen, volti dal futuro cinematografico radioso, di nuovo insieme con profitto in Bug Me Not di Law Chi Leung); il coraggio di proporre con costanza i clichés di una vita, anche se tramite una scrittura e una messinscena blande; i movimenti suadenti della camera, che avvolgono lo spettatore cullandolo, premessa alla ninna nanna in atto su grande schermo e antipasto della noia che lo andrà a colpire di lì a breve.

Hong Kong, 2005
Regia: Oxide Pang, Danny Pang
Soggetto / Sceneggiatura: Mark Wu
Cast: Wilson Chen, Kate Yeung, Ray MacDonald, Isabella Leung, Kris Gu

Free Joomla templates by L.THEME