cialis prezzo al pubblico in farmacia siege social du viagra au canada tratamiento cialis diario who owns the rights to viagra viagra andorre acheter salg av viagra viagra and full stomach

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

The White-Haired Witch of Lunar Kingdom

White-Haired Witch

Il blockbuster cinese, ancora in cerca di una sua identità e maturità, guarda al cinema di Hong Kong e alla sua irrecuperabile inventiva per trovare la retta via. Il lavoro di maquillage su classici di genere dell'ex colonia, riadattati all'era del digitale, porta Jacob Cheung - regista noto soprattutto per drammi intimisti come Cageman o Intimates - a riproporre in The White Haired Witch of the Lunar Kingdom le imprese della strega dai capelli bianchi, personaggio dei romanzi wuxia degli anni Cinquanta di Liang Yusheng e protagonista di una celebre saga cinematografica hongkonghese nei Novanta, The Bride with White Hair, interpretata da Leslie Cheung e Brigitte Lin.

La versione cinese del terzo millennio riprende l'idea del film di Ronny Yu, di un Romeo e Giulietta wuxia, ma prevedibilmente ne stravolge senso ed estetica: la strega che sceglieva la via dell'Apatia per ottenere più poteri, dimenticando così di amare, è ora un'eroina libertaria che fino alla fine pone l'amore sopra ogni altra cosa.

La mutazione e le sue conseguenze sono relegate ai minuti finali, in una distribuzione temporale degli avvenimenti che sembra suggerire un epilogo anticipato per ragioni extra-cinematografiche. Tuttavia Fan Bingbing e Huang Xiaoming, pur bellissimi, non offuscano neanche per un attimo il ricordo degli illustri e fascinosi predecessori, divi anziché semplici modelli prestati al cinema. E non aiuta il blue screen predominante, sotto la consulenza artistica di Tsui Hark: i notevoli effetti digitali, a base di voli in stile La tigre e il dragone, occultano la fisicità di duelli che paiono sempre interrompersi sul più bello. Tra le note più interessanti l'insistenza dello script sul tema dell'infiltrato, topos emblematico del cinema di Hong Kong - fin da Man on the Brink e molto prima di Infernal Affairs - qui ripreso in vari frangenti da Cheung, con Yihang alle prese con un complicatissimo doppio gioco e il Capitano Murong costantemente in incognito, per divenire poi vero deus ex machina della vicenda. Ma la sensazione generale è quella di un godibile spettacolo dalla natura effimera, dove The Bride with White Hair, nonostante il budget ridotto e le sue ingenuità, sarà proiettato ancora nei decenni a venire.

Hong Kong/Cina, 2014
Regia: Jacob Cheung.
Soggetto: Liang Yusheng.
Action director: Stephen Tung.
Cast: Fan Bingbing, Huang Xiao-ming, Vincent Zhao, Wang Xue-bing.


Free Joomla templates by L.THEME