viagra og blodtrykksmedisiner what effects does viagra have veterinary use of prednisone viagra britain can dogs take viagra

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Trilogy of Lust 2

Trilogy of Lust 2Dopo una lunga e onorata ma evidentemente non appagante carriera da reginetta dell'erotismo di serie b - la si ricorda con ironia come metà della coppia volante di Chinese Torture Chamber Story -, Julie Lee cambia nome (in Julie Riva, con cui si firma in questo lavoro) e attitudine. Dapprima dirige un Cat. III, A Trilogy of Lust, molto più esplicito del dovuto, e poi raddoppia, nello stesso anno, con un sequel improprio, da lei curato nei minimi particolari - figura come art director, protagonista assoluta, sceneggiatrice, co-regista e produttrice - affidando il grosso della direzione al giapponese Ishikawa Jiro. A questi spetta il compito di eccedere oltremisura, e il suo lavoro, a onor del vero, non è neanche disprezzabile, visto che non mancano ritmo (in rapporto a un minutaggio totale non eccessivo) e una certa qual personalità (le reiterate soggettive dell'obiettivo a mimare l'amplesso). Come nel caso del primo prodotto, il film è un disturbante catalogo di di malsanità sessuali, circolato all'estero in doppia versione, soft e hard-core (a quanto pare, ma i dubbi sono legittimi, senza ricorrere a inserti o controfigure). Nonostante le sbandierate pretese artistico-provocatorie, Trilogy of Lust 2 è un modesto thriller a luci rosse, spesso solo una noiosa sfilza di scene di sesso, mal assortite e mal raccordate, con grande abbondanza di nudi (anche integrali e frontali) e - è la regola e non l'eccezione - un cast maschile e femminile di scarsa avvenenza. Nella confusione generale c'è anche una trama minima da seguire - una donna frustrata, alla base c'è un vecchio stupro multiplo in odore di incesto, si vendica uccidendo brutalmente tutti i suoi partner occasionali, tra eccessi sadomaso e bizzarrie onanistiche assortite -, che senza incongruenze e senza fronzoli (ma con qualche possibile riferimento personale, visti i diversi tentativi di suicidio dell'attrice subito dopo l'uscita del film nelle sale) suggerisce labili ipotesi psichiatriche e illustra in maniera blanda deviazioni non autorizzate nella schizofrenia. Nella povertà generale - fa eccezione la musica, indie pop di maniera ma nel contesto originale - figurano facce ignote (l'unica eccezione è il cammeo di Tsui Kam-kong, l'altra metà della coppia volante di cui sopra; tra le conquiste della serial killer figura anche il produttore associato Thomas Freitag) ridicolmente inadeguate: le impagabili (leggi: comiche) espressioni di piacere di un impiegato sottomesso, che nel tentativo di sedurre la sua capo-ufficio scopre la sua vera natura, per esempio, valgono oro.

Hong Kong, 1995
Regia: Julie Lee, Ishikawa Jiro
Soggetto / Sceneggiatura: Julie Lee
Cast: Julie Lee, Tsui Kam-kong, Chin Gwan, Hoh Gei Yung, Chow Man Ho

Free Joomla templates by L.THEME