can you take beta blockers and viagra canada customs viagra bekommt man in holland viagra ohne rezept kamagra uk next day delivery paypal ansiolitico mas viagra viagra information pfizer viagra online wo kaufen cialis side effects seizures

Generazioni del dopoguerra: teenager, note d'amore e ribellione

Stampa

Air HostessIl periodo dal dopoguerra fino alla fine degli anni '60 è stato uno dei momenti migliori del cinema di Hong Kong. E' a partire dalla fine degli anni '50, però, che l'industria esce da una fase didattica e morale fatta di melodrammi intensi (come quelli, bellissimi, di Ng Wui, Chun Kim e Lee Sun-fung) ed elabora le basi della commedia giovanile, colorata e scoppiettante. Il necessario periodo di transizione prende il via con un primo ricambio generazionale e con l'esplosione al box office, sotto l'egida di una major, gli M.P. & G.I., non ancora ribattezzati Cathay, di una serie di nuove stelle quali Grace Chang (conosciuta anche come Ge Lan), Julie Yeh, Lucilla Yu, Jeanette Lin e Lin Dai1. Cantanti ancor prima che attrici, le primedonne del cinema mandarino diventano subito popolarissime presso il grande pubblico e conquistano con la loro vivacità i giovanissimi, che non si stancano di ammirarle su grande schermo alle prese con canzoni e amori (mai troppo) tormentati. Film come Mambo Girl - che lancia anche Peter Chen, idolo maschile insieme a Roy Chiao e Zhang Yang - e Our Sister Hedy sono indiscussi manifesti collettivi, in cui la fascia meno adulta della società si rispecchia e si rivede volentieri. Air Hostess e Our Dream Car sintetizzano l'esplicita attenzione dell'industria nei loro confronti, con tematiche semplici e una confezione spumeggiante. E' comunque un'esperienza di breve durata, legata a filo doppio all'arte dei suoni e al musical: proprio da qui nasce il binomio pellicola+canzone portante - e i primi modelli di karaoke applicato al cinema -, reciprocamente indispensabile per il successo e il passaparola generale. Ma, forse per questa sua componente intensamente musicale (che riporta alla mente le tradizioni classiche e le coeve rappresentazioni su grande schermo dell'opera cinese), la commedia pre-Cathay è destinata a maturare in fretta per sfociare nel dramma. Nei primi anni '60 molte delle stelle abbandonano lo studio e passano alla corte dei rivali Shaw, dove si trovano a loro agio in mélo tragici pensati esclusivamente per un pubblico più adulto. I toni si scuriscono e nella nuova forma del wenyipian le ragazzine spensierate diventano affascinanti donne: a Lin Dai e Julie Yeh si uniscono stelle emergenti come Jenny Hu, Lily Ho e Ching Lee.
A inizio anni '60 i giovani nati nell'immediato dopoguerra, quasi ventenni, chiedono però prodotti che gli appartengano di più. Attirano su di sé l'attenzione dei cineasti cantonesi, che sorpassano a sinistra i rivali mandarini e completano la transizione dal cinema pre-moderno a quello moderno. La rivoluzione parte da presupposti economico-organizzativi di mera sopravivenza, con lo specifico intento di rivolgersi al ceto medio così come al largo strato meno acculturato. Non potendo contare su studi adeguati e su budget importanti quali quelli di Shaw e Cathay, che girano rigorosamente in mandarino per un pubblico borghese di livello medio-alto (memore degli splendori della Shanghai anni '40), i nuovi registi cantonesi sono dunque costretti a scendere nelle strade e a riprendere da vicino la vita reale. Sarà il loro punto di forza: in breve faranno un ritratto sociale preciso, anche se cinematograficamente addolcito per i fini d'intrattenimento, del loro oggetto di studio. Ovviamente compaiono nuove stelle a rimpiazzare le sofisticate chanteuses: le due più luminose2 sono Josephine Siao e Connie Chan, entrambe provenienti dal duro addestramento dell'opera cinese, rivelatesi nella seconda metà degli anni '60 e in un solo lustro subito protagoniste dell'intero movimento. Nel fervore del momento nascono filoni e sotto-generi: l'industria è talmente produttiva che dopo neanche un decennio collasserà su se stessa a causa dell'eccesso di offerta. Dopo il successo di The Black Rose di Chor Yuen prendono piede i film di Jane Bond3, ossia un curioso mix di esotismo spionistico e avventura giallo-rosa, quasi sempre molto ironica. Con un certo ammorbidimento della censura e grazie alla bellezza delle procaci Tina Ti (O.K.; The Lucky Seven), Lam Hung e Fu Yi4 nascono i primi esempi di commedia sexy5. La commedia giovanile è comunque rispettosa dei valori tradizionali della cultura cinese, che prova ad The Black Roseaggiornare, non certo a stravolgere: al rapporto difficile tra padre e figlio dei melodrammi degli anni '50 subentrano le figlie rispettose e le madri preoccupate. Nonostante la maggiore azione6 rimane un cinema al femminile, i cui personaggi maschili continuano ad essere deboli se confrontati alle controparti: si distaccano con difficoltà dalla stereotipo Patrick Tse, Lui Kei e Alan Tang, vi si adattano con più rassegnazione Wu Fung, Kenneth Tsang e il simpatico Cheung Ying-tsoi (ottimo in coppia con Lam Fung, con la quale ha girato numerose pellicole)7.
E' facile riscontrare tematiche comuni in queste pellicole, perlopiù commedie romantiche e sentimentali: il rispetto per i valori familiari, le grandi difficoltà degli strati meno abbienti, il contrasto tra città e paesaggi rurali, la facilità per il giovane di disorientarsi e finire in brutte acque, la frizzante vitalità delle protagoniste, la polivalenza dei loro sogni e delle loro aspirazioni. Alfieri e protagonisti dietro la macchina da presa sono Chor Yuen - che con titoli quali Joys and Sorrows of Youth e lo scatenato Young, Pregnant and Unmarried regala i lavori migliori e più originali del periodo -, Chan Wan (Romance of a Teenage Girl), Wong Yiu8, e Patrick Lung9. Questi si segnala per l'amarezza dei suoi testi e per il coraggio di sporcare l'immagine pura delle star che si trova a dirigere: in Teddy Girls costruisce un personaggio ambiguo e violento cui presta con grandissima bravura il proprio fascino (da ribelle) la solitamente solare Siao. I cosiddetti youth movies si spengono dopo neanche un lustro di iper-frenesia produttiva. Connie Chan si ritira subito dopo The Lizard, nel 1972, mentre Josephine Siao prende una strada diversa, allontanandosi dallo star system e sposando idealmente le urgenze di un cinema più impegnato, a partire dalla New Wave, da lei stessa lanciata10. Negli anni '70, con l'esplosione del gongfupian, di Bruce Lee e dell'immagine maschia degli eroi di Chang Cheh, la donna rientra nei ranghi patriarcali del focolare domestico11. Al pubblico giovane - poco interessato alla bravura canora, per esempio, di una Ivy Ling, il cui repertorio rimane esclusiva di un'audience matura e raffinata -, rimane una sola vera icona da ammirare, la baby queen Li Ching (The Merry Wife; Whose Baby's in the Classroom), cui saltuariamente si unisce l'innocente Ching Ping (Hong Kong Nocturne, The Price of Love).

Note:
1. Cfr. Law Kar (a cura di) - Mandarin Films and Popular Songs: 40's-60's (Hong Kong Urban Council, 1993). In particolare: Stephen Teo - Oh, Karaoke! Mandarin Pop and Musicals (pagg. 32-36) e Paul Leung - Mandarin Movies & Mandarin Pop Songs (pagg. 47-49).
2. Seppure non della stessa importanza vanno ricordate anche altre interpreti della stessa nidiata: tra le protagoniste Suet Nei, Nam Hung, Ting Yin, Ha Ping, Kong Suet; tra le caratteriste Lydia Shum e Helena Law.
3. Cfr. Sam Ho - Licensed to Kick Men: The Jane Bond Films, in Law Kar (a cura di) - The Restless Breed: Cantonese Stars of the Sixties (Hong Kong Urban Council, 1996 - pagg. 40-46).
The Merry Wife4. Quest'ultima in Sampan fa registrare le prime scene soft-core davvero bollenti.
5. Cfr. Ng Ho - Hong Kong Cinema's 'Animal Comedies' 1967-70 (pagg. 63-64) e Law Kar - Stars in a Landscape: A Glance at Cantonese Movies in the Sixties (pagg. 55-56), entrambi in Law Kar (a cura di) - The Restless Breed: Cantonese Stars of the Sixties, cit.
6. Sempre dai toni alleggeriti, anche dopo l'esplosione del wuxia popolare - i quattro episodi della saga Buddha's Palm sono pietre miliari del genere -, tra le cui protagoniste si segnala l'enfant prodige Petrina Fung, protagonista della popolare serie The White Dragon e di The Little Warrior.
7. Miglior sorte spetta ai caratteristi - perlopiù star del decennio precedente riciclatesi con grande acume, come Leung Sing-bo, Pak Yan, Tso Tat-wah e Ng Cho-fan - e ai villain - come Mak Gei e Sek Kin -, che hanno paradossalmente a disposizione ruoli di maggior spessore.
8. Cfr. Cindy Chan, Law Kar - Cantonese Movies of the Sixties: An Oral History by Chan Wan (pagg. 114-121) e Sek Kei - Wong Yiu on Cantonese Movies (pagg. 125-127), in Law Kar (a cura di) - The Restless Breed: Cantonese Stars of the Sixties, cit.
9. Questi è oggi noto, soprattutto in occidente, più come carismatico caratterista - è per esempio il mad doctor di Black Mask - che come importante autore con un posto in prima fila nella storia del cinema di Hong Kong. Cfr. in proposito Stephen Teo - Hong Kong Cinema - The Extra Dimensions (British Film Publishing, 1997 - pagg. 137-138).
10. Con il poliziesco Jumping Ash, co-diretto con Leong Po Chih nel 1976.
11. Non è un novità, anzi, anche nel precedente lustro vissuto in primo piano la funzione della donna era tutt'altro che rivoluzionaria: alla fine delle loro avventure le eroine, la spie, le ragazze ribelli finivano puntualmente impalmate o tra le braccia del loro oggetto del desiderio. Semmai sono i toni ad essere più aggressivi: se il maschio è imbelle non è più inconcepibile che sia la donna a prendere l'iniziativa.

Joomla SEF URLs by Artio