prednisolone cats side effects is viagra a controlled drug para que sirve el viagra wikipedia manulife group benefits viagra idade para tomar viagra use of cialis 20mg

"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Who's the Woman, Who's the Man

Whosthewoman

Il seguito di He's a Woman, She's a Man, che riprende la storia esattamente da dove si fermava il capostipite, approfondisce il discorso di confusione sessuale e cross dressing con carica irriverente. Se la produzione appare più forzata, soprattutto a causa delle riprese a ritmo serrato per monetizzare il successo, con una fotografia meno efficace e qualche languore in più della sceneggiatura, riesce comunque sempre a stupire e divertire nel suo gioco di scambi di ruolo e capovolgimenti semantici dei bisticci sentimentali.

Il cinema di Hong Kong, e ancora prima quello cinese, ha sempre guardato alle possibilità del travestimento - da uomo a donna o più spesso da donna a uomo - come una possibilità concreta di sceneggiatura, non solo in chiave comica, per riaffermare lo status quo eterosessuale, come sovente accade, ma anche come elemento di fluidità e indistinzione tra i due generi e comportamenti socialmente approvati. Non è insomma solo un espediente per assicurarsi qualche gag in più, ma un elemento culturale latente che in qualche modo serve a incrinare i rigidi ruoli della società confuciana.

Il produttore Sam e la cantante Wing, che ha trovato il successo vestendosi e comportandosi in pubblico come un uomo, vivono insieme. Mentre il primo inizia a rimpiangere le comodità della vita da single e a temere di essere creduto omosessuale, la seconda sembra invaghirsi di Fan Fan, cantante androgina e sensuale. Intanto Fish, amico di Wing, prova attrazione per O, l'aiutante di Fan Fan, ma scopre che lei è attratta solo dalle donne.

In una girandola di ribaltamenti di prospettiva, Peter Chan questiona l'identità sessuale di tutti i protagonisti (solo Sam è tutto sommato escluso, visto che era al centro dei dubbi del primo capitolo), con lo svolgersi della relazione tra Wing e Fan Fan al centro dell'obiettivo. La scena cardine da questo punto di vista è il remake di Via col vento: sul set del videoclip, Fan Fan è vestita da uomo, nella parte di Butler, con tanto di baffi, mentre Wing, che in pubblico è percepita come uomo, interpreta Scarlett, vestita quindi da donna (cosa che tutti percepiscono come un travestimento). Il bacio che le due si scambiano cortocircuita ogni sicurezza e norma, perché è impossibile decodificarne immediatamente le connotazioni di genere e orientamento: chi è infatti la donna e chi è l'uomo? Il punto fondante, argomenta con leggerezza Peter Chan, è che una risposta non è per niente importante.

Hong Kong, 1996
Regia: Peter Chan.
Soggetto/Sceneggiatura: Aubrey Lam, James Yuen.
Cast: Anita Yuen, Leslie Cheung, Anita Mui, Jordan Chan, Theresa Lee, Eric Tsang, Carina Lau, Moses Chan.



Free Joomla templates by L.THEME