Home
Once Upon A Time in China II Stampa E-mail
RECENSIONI - FILM
Scritto da Sergio Di Lino   
Venerdì 15 Maggio 2015 00:00

Once Upon A Time In China II

Ancora oggi considerato il migliore episodio della saga e una delle pellicole “esemplari” della filmografia di Tsui Hark, il secondo capitolo della saga dedicata allo scienziato-artista marziale-rivoluzionario Wong Fei-hung mescola, in maniera ancora più vorticosa rispetto al prototipo, Storia collettiva – Wong, al pari dei suoi occasionali pards Sun Wen e Lu Haodong, è un eroe nazionale della Fondazione della Repubblica Popolare Cinese – e storie individuali, azione e riflessione sui generi tradizionali e sullo stesso dispositivo cinematografico (non è un caso, forse, che il plot si collochi proprio nel “fatidico” 1895).

Leggi tutto...
 
The Taking of Tiger Mountain Stampa E-mail
RECENSIONI - FILM
Scritto da Emanuele Sacchi   
Lunedì 04 Maggio 2015 00:00

The Taking of Tiger Mountain

Manciuria, 1946. Il capitano 203 guida un manipolo di soldati dell'Esercito Popolare di Liberazione maoista, spossato dalla guerra civile, che arriva in un villaggio terrorizzato dall'egemonia dei banditi. Questi, guidati da Lord Hawk (Tony Leung Ka-fai), hanno preso possesso di Tiger Mountain, un rifugio pieno di insidie, e di un arsenale appartenuto ai giapponesi. Inferiori numericamente e peggio armati, i soldati dovranno ricorrere a un'impresa eroica per sconfiggere i banditi e liberare il villaggio.

Mai pago di affrontare nuove imprese e cimentarsi con sfide impossibili, Tsui Hark, galvanizzato dai progressi della tecnologia e dalle potenzialità del 3D, affronta il più famoso yangbanxi, uno dei testi sacri della Rivoluzione Culturale: Taking the Tiger Mountain by Strategy, già adattato più volte in forma letteraria o di rappresentazione dell'Opera di Pechino. Tsui sceglie la più ardita delle rivisitazioni, con una cornice contemporanea nella Chinatown newyorchese di una generazione che ha dimenticato i propri riferimenti culturali, per poi calarsi nella narrazione.

Leggi tutto...
 
Dragon Blade Stampa E-mail
RECENSIONI - FILM
Scritto da Emanuele Sacchi   
Giovedì 30 Aprile 2015 00:00

The Legend Is Born

48 a.C.: la Via della Seta è luogo di passaggio e di contesa tra popoli differenti per etnia e costumi. Il generale Huo An, un unno adottato e cresciuto da un generale cinese, è il custode della pace e del delicato equilibrio tra le 36 nazioni. Un giorno di fronte al Cancello dell'Oca Selvaggia si presenta Lucius, un generale romano coraggioso quanto rispettoso del codice d'onore militare, che ha il compito di proteggere il piccolo Publius dal sanguinario fratello maggiore Tiberius. Tra Huo e Lucius nasce una sincera amicizia, ma l'esercito di Tiberius è alle porte.

Dopo la fascinazione per l'antica Roma del film comico giapponese Thermae Romae, ora è il wuxia cinese a incontrare il peplum, ricorrendo alla presenza di star hollywoodiane e comparse occidentali. Un progetto ambizioso, concepito per un'uscita in sala nel Capodanno lunare cinese, che ha comportato sette anni di lavorazione, complice il deserto del Gobi e le complicazioni che ne derivano per le scene in esterni.

Leggi tutto...
 
Sara Stampa E-mail
RECENSIONI - FILM
Scritto da Emanuele Sacchi   
Lunedì 04 Maggio 2015 00:00

Sara

Fuggita di casa ancora minorenne, dopo essere stata oggetto di abusi sessuali da parte del patrigno, Sara rimane un'anima inquieta, in cerca di un'identità. L'incontro con Kam Ho-yin le permetterà di proseguire negli studi, anche se in cambio dovrà vendere il suo corpo. Anni dopo Sara diventa giornalista e la sua attenzione si concentra su casi di sfruttamento sessuale: quando in Thailandia incontra la giovane Dok-my, schiava del sesso, decide di toglierla dalla strada con ogni mezzo.

Il cinema di Herman Yau è il cinema della semplicità, della quotidianità, dei reietti di Hong Kong che nessuno racconta: le prostitute di Whispers and Moans e True Women for Sale, così come l'abominevole macellaio omicida di The Untold Story.

Leggi tutto...
 
Kung Fu Jungle Stampa E-mail
RECENSIONI - FILM
Scritto da Eugenio De Angelis   
Martedì 28 Aprile 2015 00:00

Kung Fu Jungle

Al di là del successo commerciale ottenuto con The Monkey King, il 2014 verrà ricordato dai fan di Donnie Yen per questo Kung Fu Jungle che centra l’obiettivo fallito di recente con Special ID e Iceman: intrattenere con sequenze d’azione ben calibrate, supportate da una storia che prova a essere qualcosa (poco) più di un mero pretesto. Merito anche del regista Teddy Chen che si riunisce con la star cinque anni dopo la sua ultima regia, Bodyguards and Assassins, in un thriller d’azione nel quale Donnie sembra mettere da parte il proprio ego, lasciando parte del palcoscenico all’antagonista interpretato da Wang Baoqiang.

Leggi tutto...
 
Copyright © 2001 - 2015 Hong Kong Express - Contatta la redazione