"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Casino Raiders II

Casino Raiders IINon ingannino i temi classici del Wong Jing più popolare - gioco d'azzardo, criminali senza scrupoli, soldi e sfide tra campioni -, questo è un film di Johnnie To, reduce dal successo come produttore di A Moment of Romance. Ne riprende argomenti, veemenza e toni melodrammatici, ne ripropone la coppia di protagonisti - Andy Lau, cui spetta lo struggente main theme musicale, e Wu Chien-lien, che riprenderà il personaggio della ragazza scontrosa ma generosa in To Live and Die in Tsimshatsui -, piegandosi solo alla volontà commerciale del produttore Jimmy Heung (sintomatico il fatto che la sua Win's fosse dietro al primo Casino Raiders e a God of Gamblers). Trama asciugata da ogni possibile deriva ironico-demenziale-scatologica, con due fratelli, grandi giocatori d'azzardo, in cerca di vendetta dopo che un discepolo del padre, a tradimento, ha rubato alla famiglia onore e soldi, causando la morte del vecchio mentore. Sottotrame adeguate - Kit, appena uscito di prigione (ma è innocente), vuole ritrovare la figlioletta abbandonata e ricominciare una vita normale; Lin e Chicken Feet vivono un amore tormentato -, parentesi drammatiche necessarie a rendere più commuovente il film.
Casino Raiders II, che niente ha a che vedere con il predecessore (il cui unico sequel è No Risk, No Gain), ruba senza troppa convinzione elementi strategici da God of Gamblers (il monile di giada) e A Moment of Romance (le corse in moto; lo spirito ribelle dei pesci piccoli messi con le spalle al muro). La parte poliziesca è ad uso e consumo delle coreografie spettacolari di Ching Siu-tung. Le sequenze al tavolo verde sono limitate e rese meno essenziali. Semmai stupiscono la violenza, il cinismo di fondo - l'epifania della povera bambina in catene, senza genitori, insultata e in cattività - e tanti riferimenti al wuxiapian: le menomazioni (spesso auto-inflitte) e i sacrifici strazianti derivano da Chang Cheh (il finale improbabile tipo - mi si perdoni l'ironia - The One-Armed Gambler Meets the Blind Conman). Trappole lacrimevoli a parte, Casino Raiders II è un action movie solido, discretamente recitato (nonostante tanti stereotipi nei ruoli) e ben diretto (il tocco di To si vede nella ricercatezza delle inquadrature), migliore della media dei film (non comici) sui super giocatori. Nota a margine: avrebbe giovato una narrazione meno sintetica, ma è probabile che la stesura originale - e il trailer testimonia la presenza di scene inedite non montate - contenesse maggiore sostanza.

Hong Kong, 1991
Regia: Johnnie To
Soggetto / Sceneggiatura: Tsang Kan-cheung
Cast: Andy Lau, Dave Wong, Wu Chien-lien, Monica Chan, Kelvin Wong

Free Joomla templates by L.THEME