"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

Love Generation Hong Kong

Love Generation Hong Kong La storia d'amore, durata diversi anni, tra Maggie e Bill sta volgendo al termine: lei crede di essere d'intralcio alle possibilità di successo di lui e decide di proseguire separatamente. Emotivamente distrutto, l'uomo emigra negli Stati Uniti con Moon, la sorella minore del suo miglior amico; i due progrediscono insieme e diventano imprenditori di successo. Bill è fidanzato con una starlette giapponese, Joey, e dopo un litigio incontra per caso, a Tokyo, Maggie. Anche lei è stata baciata dalla fortuna, ed è prossima al matrimonio con un ricco capo triade che, abbandonato il suo passato, ha saputo riciclarsi con successo come uomo d'affari. Bill torna ad Hong Kong con lo scopo di riconquistare la vecchia fiamma.
Altro raro caso in cui il regista Wong Jing mette da parte le ambizioni spudoratamente commerciali e confeziona un prodotto sentito e piacevole, Love Generation Hong Kong è una commedia rosa su misura per le star coinvolte. Un soggetto ingenuo, poco originale, sviluppato però con spirito (e infarcito di qualche siparietto di gusto discutibile), per un instant movie di poche pretese. I riferimenti alla realtà e gli intermezzi ai limiti del kitsch (una partita a calcio con esibizione di testosterone; il tirapiedi di Peace disposto a tutto per soldi; i due assistenti imbranati di Sunny) non stonano troppo. Girato in fretta, con buon piglio - da cui il ritmo scorrevole -, il film si bea della salda direzione degli attori, ben sfruttati a seconda delle proprie caratteristiche, della propria immagine e del proprio status. Non usuale nelle corde di Wong l'eleganza patinata, molto trendy, più canonica l'indovinata vena polemica che schernisce usi e costumi extra-sentimentali: denaro e gloria. Metro di giudizio e arbitro della partita una mela di cristallo, simbolo del limite tra sogni e realtà, frutto proibito facilmente identificabile come allegoria di fortuna e coraggio che vanno a braccetto e premiano l'audace di turno.

Hong Kong, 1998
Regia: Wong Jing
Soggetto / Sceneggiatura: Wong Jing
Cast: Leon Lai, Carina Lau, Shu Qi, Lee Ann, Mark Lui

Free Joomla templates by L.THEME