Star Runner

Scritto da Matteo Di Giulio. Postato in FILM

Star RunnerBond, studente difficile con un'insana passione per la thai boxe, si innamora della sua insegnante di coreano, Kim. In prossimità di un importante torneo panasiatico, Bond litiga con tutti, con gli amici, con l'allenatore, con la ragazza, e abbandona la palestra. Per prepararsi alla competizione si affida nuovo coach, Bill, ex lottatore di successo, oggi malandato e malvisto da tutti, che gli insegna come applicare kung fu e wrestling alla boxe. In attesa di confrontarsi con il temuto campione Tank Wong, Bond cerca di mettere ordine nella sua vita, a cominciare dal travagliato rapporto con l'indecisa Kim.
Daniel Lee, messa ormai da parte ogni pretesa di personalità, continua imperterrito il percorso di asettica professionalità cominciato con Moonlight Express e proseguito con A Fighter's Blues. Di quest'ultimo riprende temi e personaggi per confezionarne una versione edulcorata. Star Runner, blockbuster costruito a tavolino per celebrare la star di turno - il popsinger taiwanese Vanness Wu degli F4 - affiancata da una diva straniera - al posto della scialba giapponese Tokako Tokiwa è ora il turno della sudcoreana Kim Hyun-Joo, diva delle soap televisive - non si discosta dai due lavori precedenti. Altrettanto piatto e con la stessa foga nel sottolineare la cura formale di facciata: Lee è tecnicamente troppo bravo per le misere sceneggiature che è costretto a portare su grande schermo. Lo dimostra il grande ritmo che tiene in piedi una pellicola altrimenti inguardabile. D'altro canto, la cocciutaggine con cui Lee torna su progetti tutti uguali e l'indubbia capacità di sprecare i pochi momenti buoni dei suoi film (la veloce rimpatriata dei veterani Shaw Ti Lung, David Chiang e Gordon Liu; i flashback nostalgici; l'ottima fotografia; la colonna sonora avvolgente) depongono a suo demerito: fatti i conti, e considerata l'ultima fase della sua filmografia, il regista dimostra un interesse sempre più impellente per il suo passato da direttore artistico, proteso alla perfezione formale e troppo poco attento all'anima del prodotto.

Hong Kong, Corea del Sud, 2003
Regia: Daniel Lee
Soggetto / Sceneggiatura: Abe Gwong, Taures Chow, Daniel Lee
Cast: Vanness Wu, Kim Hyun-Joo, Wong You Nam, Max Mok, Andy On

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla SEF URLs by Artio