"You can leave Hong Kong, but it will never leave you."

The Incorruptible

The IncorruptibleRay Lui, riscoperto con To Be Number One, nei primissimi anni novanta torna ad essere molto richiesto. The Incorruptible è costruito sul suo personaggio, un poliziotto integerrimo, e per i toni ricorda proprio il film di Poon Man-kit. Basata su un fatto vero, la sceneggiatura prende in esame la figura dell'ispettore Charles Lee, tra i primi negli anni cinquanta a puntare il dito contro le triadi. Dopo un breve addestramento in Inghilterra, il poliziotto torna in patria con l'incarico di formare una squadra speciale con poteri straordinari. Il principale bersaglio è un criminale, Lee Choi-fat, che ha fatto fortuna dopo essere fuggito dalla Cina mettendo in piedi un grosso giro di droga e scommesse clandestine.
Ray Lui è monocorde, Waise Lee è costretto a impersonare sempre il gangster senza scrupoli, Simon Yam si ritaglia un breve spazio grazie all'unico carattere costruito con un minimo di logica: è fastidioso vedere un cast di tutto rispetto (comprese Carrie Ng e Anita Yuen) sprecato malamente. Personaggi di contorno che scompaiono, una certa teatralità e raccordi meccanici tolgono ritmo. Anche se le scene d'azione, seppur troppo infarcite di kung fu (e troppo lunghe, come certe noiosissime scazzottate dei nostri spaghetti-western), non sono male. Il modo di girare di Lee Ying-lok, un buon artigiano mai esploso a grandi livelli, è funzionale. Ridotti al minimo i movimenti, l'azione è esplicata attraverso una serie di piani fissi, con umiltà. L'apertura su una folla di manifestanti è molto suggestiva, e di grande gusto alcune deviazioni extra-genere che rimandano per atmosfere al thriller, con soggettive azzardate e luci virate in blu: indovinata una citazione della famosa fuga di Hannibal Lecter in Il silenzio degli innocenti). Lo sforzo produttivo tradisce ambizioni e si riflette nell'accuratezza di scenografie e costumi.

Hong Kong, 1993
Regia: Lee Ying-lok
Soggetto / Sceneggiatura: Yip Gai, Ng Man Fai
Cast: Ray Lui, Waise Lee, Carrie Ng, Simon Yam, Anita Yuen

Free Joomla templates by L.THEME